Coronavirus: un anno di pandemia. Un anno fa il ricovero a Codogno del paziente “1”

Nuovo

Coronavirus: un anno di pandemia. Un anno fa il ricovero a Codogno del paziente “1”

sabato 20 Febbraio 2021 - 12:58
Coronavirus: un anno di pandemia. Un anno fa il ricovero a Codogno del paziente “1”

L'immagine simbolo della Pandemia: lil corteo delle bare

Cominciò così un anno fa. All’inizio la Cina sembrava lontana migliaia di chilometri e Wuhan una città sconosciuta ai più. Poi scoprimmo che il virus era ormai dentro casa nostra. C’era una volta il paziente 1.

LA CRONACA DEL GIORNO: “Un 38enne ricoverato all’ospedale di Codogno, nel milanese, è risultato positivo al test del Coronavirus. «Sono in corso le controanalisi a cura dell’Istituto Superiore di Sanità – disse l’assessore al Welfare della Regione Giulio Gallera aggiungendo che l’italiano – è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Codogno i cui accessi al Pronto Soccorso e le cui attività programmate, a livello cautelativo, sono attualmente interrotti». L’uomo si è presentato giovedì al pronto soccorso dell’ospedale di Codogno, nel Lodigiano. Al momento le autorità sanitarie stanno ricostruendo i suoi spostamenti. Le persone che sono state a contatto con il paziente sono in fase di individuazione e sottoposte a controlli specifici e alle misure necessarie».

Intanto, per i 55 italiani rientrati a Roma da Wuhan lo scorso 3 febbraio è finita la quarantena alla Cecchignola, all’interno della città militare nella Capitale. Diciotto giorni sempre con guanti e mascherine. Isolati dal mondo, come in una bolla. Sotto osservazione, ma anche protetti. E con momenti di ottimismo alternati ad altri di forte preoccupazione, isolati nelle proprie stanze per la paura che il Coronavirus si ‘aggirasse’ tra di loro.

Giovani e famiglie sono usciti con i volti sorridenti, alcuni commossi, portando con sé zaini e trolley. L’ultimo giorno da ‘reclusi’, in quella struttura le cui aree comuni erano diventate sempre più deserte, è stato vissuto dai 55 come un ultimo giorno di scuola. I ministri della Difesa e della Salute, Guerini e Speranza – in visita al centro militare – li hanno abbracciati calorosamente. E dopo una sorta di foto ricordo è scattato un applauso liberatorio per tutti.

CRONACHE NUORESI fu l’unico giornale a entrare nel reparto Covid del San Francesco di Nuoro

Ecco il servizio:

Esclusiva. Nel cuore del Coronavirus: siamo entrati nel reparto Covid-19 del San Francesco di Nuoro

© Tutti i diritti riservati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta