venerdì 14 agosto 2020, Aggiornato alle 11:48
Home > DALL'ITALIA E DAL MONDO > Coronavirus. “L’app Immuni” scaricabile da questo pomeriggio

Coronavirus. “L’app Immuni” scaricabile da questo pomeriggio

L'App IMMUNI

Dal pomeriggio di oggi la app Immuni è disponibile sugli Store e può essere scaricata gratuitamente da tutti gli italiani sui propri smartphone. C’è anche  sito dedicato interamente all’app Immuni. “Ripartiamo insieme. Tornare a vivere normalmente è possibile. Immuni ci aiuta a farlo prima e senza rinunciare alla privacy”, si legge nella homepage.

L’indirizzo è https://www.immuni.italia.it E poi c’è l’invito a fare il download dell’app: “Aiuta te stesso, la tua famiglia e il tuo Paese. Scarica l’app”. Nella pagina web c’è infatti anche il ‘bottone’ che collega direttamente agli store. Lo sbarco sui negozi online dovrebbe avvenire a breve, entro la giornata. Immuni viene definita come “uno strumento in più contro l’epidemia”. L’app, si ricorda, “utilizza la tecnologia per avvertire gli utenti che hanno avuto un’esposizione a rischio, anche se sono asintomatici”.  La sperimentazione partirà,  mercoledì, in 4 regioni: Puglia, Abruzzo, Marche e Liguria. Sul fronte delle Regioni, se non dovesse raggiungere un’intesa con il governo sul passaporto sanitario, la Sardegna è pronta ad attivare un altro sistema di controlli che prevede «la registrazione dei passeggeri all’ingresso su una piattaforma e la compilazione di un questionario che serve a noi per avere contezza su dove concentrare i maggiori controlli», ha detto il governatore Solinas. 

Tanto oggi in Italia , praticamente a 24 ore dalla riapertura delle regioni che scatta mercoledì 3 giugno, dalla Protezione civile, come di consueto, arrivano i dati su contagi, attualmente positivi, morti e guariti.  Prosegue il calo della curva epidemica. Sale a 233.197 il totale dei pazienti colpiti dal Covid-19 dall’inizio dell’epidemia, con un aumento rispetto a ieri di 178 casi (contro i 355 di ieri), dato più basso addirittura dal 26 febbraio. Pesano, come ogni lunedì, i pochi tamponi effettuati, 31.394 (il record è oltre 75mila), per una percentuale positivi/tamponi comunque bassissima, lo 0,56%. In particolare, si contano zero casi in 6 Regioni (Marche, Sicilia, Umbria, Calabria, Molise e Basilicata), mentre le Regioni che totalizzano 10 o meno di 10 casi giornalieri sono in tutto 17. In calo il numero dei decessi, 60 (ieri 75), per un totale che sale a 33.475. I guariti sono 878 (contro i 1.874 di ieri, ma anche qui si scontano i pochi tamponi del weekend), per un totale di 158.355. Per effetto di questi dati, il numero dei malati ancora attivi scende di 708 unità, 41.367 in tutto. Prosegue ormai da due mesi il calo dei ricoveri: quelli in regime ordinario sono 288 in meno, 6.099 in tutto, mentre le terapie intensive calano di altre 11 unità, e sono 424. Le persone in isolamento domiciliare sono 34.844.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error: