sabato 15 agosto 2020, Aggiornato alle 8:16
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Peste suina africana: abbattuti oltre 100 capi da allevamenti irregolari a Desulo

Peste suina africana: abbattuti oltre 100 capi da allevamenti irregolari a Desulo

Desulo, posto di blocco della Polizia
Desulo, un posto di blocco della Polizia

Oltre cento uomini tra Polizia e Carabinieri a supporto dell’attività di eradicazione della malattia

È ancora in corso l’operazione di abbattimenti di maiali, allevati illegalmente a Desulo, per combattere la peste suina africana.

Da questa mattina la task-force della Regione ha provveduto all’abbattimento di oltre cento suini da allevamenti privati non in regola.

L’operazione è stata eseguita in accordo con la Questura di Nuoro e dopo aver informato il sindaco, Gigi Littarrru. Ingente il dispiegamento di forze tra Polizia, Carabinieri, agenti del Corpo forestale, dopo i disordini che vi erano stati in paese qualche mese fa, quando gli addetti regionali si erano trovati con la strada sbarrata e senza possibilità di accesso agli allevamenti da abbattere. Oggi, invece, non si sono registrati disordini.

Desulo, posto di blocco della Polizia

Desulo, un posto di blocco della Polizia

 

«L’Unità di missione regionale è intervenuta per risolvere il problema, più volte segnalato, della presenza di suini che circolano liberamente all’interno delle campagne del paese – dice il responsabile della task-force, Alessandro De Martino. Dopo aver lasciato il tempo agli allevatori di mettersi in regola, e risolvere le questioni segnalate anche lo scorso febbraio, proseguono le attività di depopolamento dei suini allevati illegalmente, senza che ci sia comunque alcun contrasto con la possibilità di regolarizzarsi offerta dalla legge. L’Unità di progetto ricorda che la conformità alle norme e alle regole, al cui rispetto tutti sono chiamati, è posta a tutela delle persone e dei consumatori».

Nello specifico, le attività ispettive hanno interessato un allevamento abusivo in località “Ghili Ghili”, individuato come quello dal quale alcuni suini si allontanavano per raggiungere indisturbati il centro abitato. Soppressi i capi di bestiame, trovati in parte in un’area recintata ed altri allo stato brado.

Tre i blocchi stradali attuati dalla Questura di Nuoro e dai vicini Commissariati, uno in località Tascusì, l’altro in località Gudditgorgiu e l’ultimo in località Ghili Ghili per isolare l’allevamento e consentire il regolare svolgimento delle operazioni sanitarie tuttora in corso.

Lascia un commento

error: