MaCome(r) Ti Ripulisco: i giovani contro il degrado urbano e ambientale

Sonia

MaCome(r) Ti Ripulisco: i giovani contro il degrado urbano e ambientale

giovedì 07 Aprile 2022 - 11:51
MaCome(r) Ti Ripulisco: i giovani contro il degrado urbano e ambientale

Il gruppo MaCome(r) Ti Ripulisco

Spesso le iniziative più nobili nascono in maniera inaspettata. Come due giovani che, dopo anni cresciuti in un certo ambiente, passando davanti a un parco sporco e abbandonato decidono di fare qualcosa per risanarlo.

Per individuare persone che possano contribuire all’iniziativa decidono  di lanciare un appello attraverso i social.  Il risultato? Da oltre un mese, ogni domenica mattina, un gruppo crescente e intergenerazionale di una decina di volontari si riunisce per pulire la città. Ad oggi hanno raccolto circa 100 buste da 120 litri di spazzatura, ovvero più di mille litri tra zona urbana, la vecchia area industriale dell’ex-ALAS e il Monte di Sant’Antonio. Buona parte dei rifiuti erano difficilmente smaltibili e altamente inquinanti.

«Sostanzialmente ci siamo sempre detti che dovevamo rompere lo stereotipo del ‘se non lo faccio io lo farà qualcun’altro» raccontano i due giovani, Marco Fadda (26 anni) e Riccardo Vanoni (21 anni) e continuano “quindi ci siamo organizzati e lo abbiamo fatto. Abbiamo scoperto come muoverci col comune (autorizzazioni, fornitura buste e punto di raccolta) e pian piano stiamo cercando di fare sempre di più ogni domenica»

Una sorta di Sunday for Future, ma con la differenza che anziché manifestare ogni venerdì per il clima, si ripulisce la propria comunità ogni domenica. Le attività sono state coordinate attraverso il gruppo Facebook “Sei di Macomer Se” fondato dall’avvocato Gianfranca Deriu, e ora mira a divenire una vera e propria realtà costituita del territorio, attraverso la fondazione di una pagina e un’associazione specifica dal nome “MaCome(r) Ti Ripulisco”.

«Vorremmo infondere nelle persone non solo un senso di rispetto per l’ambiente magari partendo dai più piccoli per educarli ma anche un senso critico verso tutti coloro che pensano che tali attività per la tutela dell’ambiente siano solo una perdita di tempo»

Marco Fadda e Riccardo Vanoni  attualmente studiano all’Università di Sassari ma da diversi anni svolgono azioni di volontariato a Macomer, in particolare tramite l’APS ProPositivo e il Festival della Resilienza.

«Questa è semplicemente l’ennesima dimostrazione di come non sia vero che i giovani non abbiano voglia di mettersi in gioco» continuano i fondatori dell’iniziativa: «sono numerose le realtà giovanili e culturali di Macomer che si danno da fare e con la quale vorremmo collaborare. Il problema della nostra comunità spesso è l’abbandono pubblico e privato che rende tutto demoralizzante. Vorremmo fare la nostra parte per cambiare questa mentalità, valorizzare i luoghi, divenire un riferimento pratico e, soprattutto, sottolineare attraverso la stessa iniziativa, quanto ci sia bisogno di fare di più e quanto spetti a tutti fare la propria parte».

Al gruppo di volenterosi si sono aggiunti anche la stessa Gianfranca Deriu, Valeria Ruiu, Dario Fadda, Andrea Sau, Diego Russo, Marino Porcu e Simone Betterelli che lanciano l’appello: «Chi vuole  può unirsi a noi per migliorare la città».

Sostieni l'informazione libera e indipendente di Cronache Nuoresi

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta