Siniscola. La denuncia dell’Opposizione: “Il sindaco vuole portare via la sede all’AVIS

Sonia

Siniscola. La denuncia dell’Opposizione: “Il sindaco vuole portare via la sede all’AVIS

lunedì 03 Maggio 2021 - 10:13
Siniscola. La denuncia dell’Opposizione: “Il sindaco vuole portare via la sede all’AVIS

La raccolta del sangue (foto S.Novellu)

PD – PSI, Progressisti , Italia Viva e Italia in comune denunciano l’immotivata scelta dell’amministrazione comunale di Siniscola guidata da Gian Luigi Farris di voler portare via la sede dell’AVIS.

Sabato gli esponenti  politici  Rocco Celentano, Mario Lopez e Antonio Bidoni hanno attivato un sit in di protesta affinché non si porti via lo stabile ex Eca in comodato d’uso alla suddetta associazione.

«Il Sindaco, sta portando un atto unilaterale, in assenza di un indirizzo dell’amministrazione e nel silenzio assoluto dell’Assessore ai Servizi Sociali , sulla base di mere supposizioni. Si tratta di un procedimento amministrativo, nel quale viene coinvolto e, non si sa a quale titolo la Guardia di Finanza, che risente della mancanza di imparzialità e proporzionalità, per aver finalizzata l’azione ad un solo bene comunale, e non invece a tutti gli altri beni di valore ben più alto» dicono Celentano, Lopez e Bidoni.

«In merito, va sottolineato che la sezione AVIS , opera a Siniscola dal 1989, utilizzando come sede comunale, un locale di pochi metri quadrati, e che ha svolto e svolge un’azione intensa e costante esclusivamente d’interesse pubblico». Dice la Minoranza politica e prosegue: «La missione dell’AVIS è dimostrata da fatti concreti : ogni anno raccoglie circa 400 sacche di sangue, a fronte di oltre 150 donatori, che fanno dell’ AVIS, a Siniscola, La Caletta e Posada, un’associazione di eccellenza in tale settore. È un sevizio che salva vite umane,  che in questo periodo di pandemia, è ancor più necessitato».

«Sull’intera vicenda comunque si chiede la convocazione del consiglio comunale, per fare chiarezza sui comportamenti del Sindaco».

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta