domenica 25 ottobre 2020, Aggiornato alle 21:00
Home > IN PRIMO PIANO > Coronavirus. I sindaci di Marghine, Goceano e Planargia contro il servizio di igiene pubblica

Coronavirus. I sindaci di Marghine, Goceano e Planargia contro il servizio di igiene pubblica

Bosa, Ospedale civile (foto S.Novellu)
Bosa, Ospedale civile (foto S.Novellu)

Con l’avanzare dei contagi da Covid aumenta anche la preoccupazione degli amministratori locali che protestano per il ritardo con il quale gli uffici sanitari dell’Igiene Pubblica danno delle risposte.

Per questo motivo, nei giorni scorsi, i sindaci di Silanus, Gian Pietro Arca, e Macomer, Antonio Succu, hanno protestato energicamente. A questi, per lo stesso motivo, si aggiunge oggi il sindaco di Bosa Piero Casula.

MACOMER – Per snellire il lavoro degli uffici preposti, che molto probabilmente sono sovraccarichi di richieste, il comune di Macomer mette a disposizione una mail apposita (APPROFONDISCI) e, prossimamente, anche un numero telefonico dedicato.

Intanto finalmente sono stati fatti i tamponi agli alunni ed insegnanti dell’Istituto Tecnico e del Liceo, almeno a quelli a rischio di contagio, a causa della positività di qualche insegnante e qualche studente. I tamponi sono in tutto 170 e si attende, a breve, il risultato, per stabilire il da farsi. Intanto la situazione si complica anche a Bosa dove 7 docenti e una classe prima della scuola sono in isolamento fiduciario.

BOSA – Il sindaco Piero Casula lamenta, come fatto gravissimo, che la notizia sia arrivata dalla scuola e non dalle autorità sanitarie. Il Sindaco lamenta anche che non si hanno notizie, sempre dalle autorità sanitarie competenti, di tutte le situazioni verificatesi dal 26 settembre a questa parte e ciò mette in grave imbarazzo la massima autorità sanitaria del comune, che è il sindaco stesso, costretto ad assumere informazioni dai diretti interessati. Denuncia quindi come grave la situazione che vede le istituzioni scollegate tra loro proprio in un momento di emergenza. Comunica, inoltre, che si apprende dalla dirigete dell’Istituto che la ragazza trovata positiva è assente da scuola dal 30 settembre, per cui invita gli studenti a seguire serenamente le lezioni.

Pier Gavino Vacca

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI