sabato 8 agosto 2020, Aggiornato alle 16:27
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Gli oncologi non andranno al reparto COVID: querelle tra Lapia e Cattina

Gli oncologi non andranno al reparto COVID: querelle tra Lapia e Cattina

Nuoro, l'ospedale San Francesco (foto S.Novellu)
Nuoro, l'ospedale San Francesco (foto S.Novellu)

Pierluigi Saiu: “ascoltate sempre le richieste dei pazienti specie quelli più fragili”

I pazienti malati di tumore in cura all’ospedale San Francesco di Nuoro possono tirare un sospiro di sollievo: gli oncologi non saranno dirottati al reparto Covid-19 (APPROFONDISCI).

Una notizia confermata in queste ore dopo che da parte dei pazienti c’era stata una clamorosa protesta  iniziata con una petizione che nel giro di 24 ore ha superato oltre le 1000 firme (APPROFONDISCI).

Diverse soddisfazioni per la decisione del non trasferimento sono state espresse dagli esponenti politici del territorio fra tutti della deputata del M5S Mara Lapia che ha esposto il caso in parlamento al Ministro della Salute Speranza con un’interrogazione.

La rappresentante pentastellata nell’annunciare via social la vittoria di questa battaglia, tuttavia non è mancata la querelle con la direttrice dell’ASL- ATS Nuoro e Ogliastra, la dottoressa Grazia Cattina in merito alla situazione sanitaria.

«In questi mesi abbiamo preso molte decisioni, nessuna facile, qualcuna migliorabile, ma tutte, dico tutte in piena responsabilità, con la priorità assoluta della sicurezza e salute dei pazienti e degli operatori. Salute e sicurezza dei pazienti tutti, Covid e no Covid. Abbiamo lavorato perché fosse assicurata tutta l’assistenza possibile, dentro le limitazioni poste dalle disposizioni nazionali e regionali» dice la responsabile ASL;  affermazione alla quale ha risposto immediatamente il deputato dei Cinque Stelle: «Se avesse fatto un terzo delle cose che scrive, non saremmo qui a festeggiare per la retromarcia che ha dovuto fare rispetto ad una scelta organizzativa folle! Dottoressa, la gestione della sanità nel nuorese è sotto gli occhi di tutti, che si parli del San Francesco o di Sorgono».

Al di là delle polemiche l’importante e che questa tipologia di pazienti finalmente possano riprendere le cure in serenità e l’esigenza primaria è quella di ascoltarli come evidenzia il consigliere regionale Pierluigi Saiu (Lega Salvini) in una nota stampa: «sono soddisfatto per la decisione dell’Azienda sanitaria di non impiegare i medici oncologi, così come gli altri specialisti, nel reparto Covid del San Francesco di Nuoro. La sicurezza e la serenità dei malati, soprattutto di quelli più fragili, hanno e avranno sempre la massima attenzione».

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error: Content is protected !!