giovedì 21 novembre 2019, Aggiornato alle 12:43
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > A Nuoro Mastros e Massajos attendono i visitatori per un programma ricco di tradizione

A Nuoro Mastros e Massajos attendono i visitatori per un programma ricco di tradizione

La conferenza stampa di Mastros e Massaios
La conferenza stampa di Mastros e Massajos

Il meglio della tradizione artigiana, artistica, culturale, musicale, folcloristica ed enogastronomica. È questo che offrirà Nuoro ai suoi visitatori per l’edizione 2019 dell’evento “Mastros e Massajos in Nùgoro”, tappa nuorese del circuito “Autunno in Barbagia”, che si terrà in città sabato 9 e domenica 10 novembre.

Il centro storico della città sarà animato da mostre, fiere, mercati, cori e balli, attività ricreative per bambini, degustazioni, rappresentazioni e spettacoli che faranno riscoprire le radici più autentiche della comunità nuorese. I visitatori potranno percorrere le strade del centro storico alla scoperta di botteghe artigiane, studi artistici, case storiche, antichi cortili, musei, monumenti, piazze e luoghi di culto.

Un percorso culturale e autentico alla riscoperta di antichi mestieri. Tra i due rioni storici di Seuna e Santu Predu si vedranno all’opera mani esperte che plasmano naturali e pregiati materiali, per realizzare prodotti artigianali unici nel campo dell’oreficeria, della ceramica, della lavorazione del ferro, del legno e della pelle, della sartoria, della pittura e della scultura, dell’enogastronomia.

Quest’anno per raggiungere un maggior numero di visitatori l’amministrazione ha deciso di investire in una campagna di promozione social incentrata sugli artigiani che diventano i veri protagonisti e il valore aggiunto dell’iniziativa, ma anche attraverso la promozione e la divulgazione di informazioni legate ad ogni singolo evento come ha sottolineato  l’assessore alle Attività produttive, Eleonora Angheleddu durante la conferenza stampa di presentazione dell’evento.

Oltre 200 espositori  sono stati accreditati  artigiani, produttori agricoli, artisti e creativi, che intendono dare il proprio contributo per rendere la città più accogliente per i visitatori che nei due giorni passeggeranno nel  centro storico cittadino tra le 66 “cortes” e gli espositori su suolo pubblico, con eventi per tutti i gusti.

Spazio ai laboratori, al teatro, ai balli, alla musica e ai bambini,.  Ci saranno diverse aree dedicate ai bambini, la più ampia  è quella di piazza Vittorio Emanuele. I bambini saranno impegnati inoltre in molteplici attività culturali come la “Caccia al Nobel” a cura degli insegnanti e degli allievi dell’I.T.C. Salvatore Satta con la partecipazione degli alunni e delle maestre delle scuole elementari cittadine.

Tra gli eventi clou, come tradizione, ci sarà l’evento Coros in crèsia, la coralità di ispirazione popolare in concerto presso le chiede di San Carlo; Chiesa Del Rosario e l’antico Santuario delle Grazie; e Sa Serenada e Su Cojubiu Nugoresu giunti alla sesta dizione con la riproposizione dell’antico rito matrimoniale a cura del Gruppo Folk “Gli amici del Folklore” su ispirazioni dei racconti del premio nobel Grazia Deledda. Tra le numerose attività e corti, ci sarà la mostra fotografica e biografica sull’intellettuale e scrittore Romano Ruiu, a cura degli eredi; la mostra pittorica di Gino Frogheri presso il Centro Polifunzionale di Via Roma (PolfiunzionArt) a cura dell’Associazione Madriche; la mostra delle opere pittoriche dell’artista Alfonso Silba dedicate al genio letterario di Grazia Deledda; le attività del Corpo Forestale e Vigilanza Ambientale con una mostra della Fauna Sarda presso il giardino di casa Buscarini.

La magia del Filindeu entrerà in scena domenica mattina alle 10.00 e alle 12.00 nel quartiere di Seuna presso la sede dell’associazione culturale “Tonino Puddu”.

Saranno principalmente tre le Fiere-mercato dedicate alle eccellenze del territorio, che sabato e domenica dalle 10.00 animeranno la città. La fiera mercato dedicata ai prodotti e piatti tipici della Barbagia presso piazza Vittorio Emanuele, il percorso enogastronomico a cura della Coldiretti in piazza su Connottu e quella dedicata all’arte del creare “Artes in manos” negli spazi Ex-Mè dell’ex mercato civico.

L’evento B’NU con degustazione vini in concorso 2018 a cura della Camera di Commercio di Nuoro presso la casa dell’Atelier; Itinerari Deleddiani Sapori, Idee, Territori attraverso laboratori, esposizione di prodotti e servizi a cura della Legacoop presso Casa dei Contrafforti.

La casa natale di Francesco Ciusa sarà teatro delle seguenti esposizioni: “Dal segno al manufatto” esposizione di pezzi unici di Antonello Cuccu, Terra Pintada, e Pietro Fois a cura di MancaSpazio; allestimento della casa della sposa con le cassapanche di Mario Guidetti; degustazione di formaggi caprini a cura dell’azienda agricola Mannalita.

Evento di grande impatto culturale è senza dubbio Nuoro Tesoro di Sardegna: il racconto sul mito del tesoro nascosto (s’aschisòrju) attraverso le esposizioni dei gioielli antichi di alcuni collezionisti e le nuove produzioni degli orafi artigiani nuoresi, undici racconti di Barbagia a cura della Proloco di Nuoro da un progetto di Agostino Basile finanziato dalla Fondazione di Sardegna e dal Comune di Nuoro. Per l’occasione verrà aperta al pubblico la casa del senatore G. P. Chironi in piazza su Connotu dove gli artigiani presenteranno laboratori didattici sulla realizzazione del monile. Nel cortile della medesima casa è programmato l’evento “Amore ‘e Coro” : talenti creativi, atmosfere magiche, allestimenti e installazioni visionarie di chi organizza matrimoni a cura di Egidia Carta e Donatella Ciusa.

«La decisione di limitare la somministrazione su suolo pubblico alle aziende del settore (considerato il buon esito della precedente edizione), oltre che per questioni di ordine e sicurezza si basa sulla necessità di dare ulteriore qualità e decoro alla manifestazione, stimolare la riapertura lungo il percorso degli antichi cortili ed in primis valorizzare e tutelare le attività commerciali e produttive della città, con particolare riguardo per le attività di ristorazione» conclude l’Angheleddu.

Gli infopoint a cura degli istituti scolatici cittadini saranno in piazza San Giovanni con ITC Satta, la Casa dei Contrafforti il Liceo Linguistico Maria Immacolata e la Casa di G.P. Chironi Chironi l’ITC Chironi che per l’occasione presenteranno la figura del senatore, tra passato e futuro, attraverso una visita guidata all’interno della casa con esposizione di antichi documenti e manoscritti.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento