sabato 16 novembre 2019, Aggiornato alle 22:27
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Tumore al seno e prevenzione: alla scoperta del reparto di Senologia del San Francesco

Tumore al seno e prevenzione: alla scoperta del reparto di Senologia del San Francesco

Il reparto di senologia del San Francesco di Nuoro
Il reparto di senologia del San Francesco di Nuoro

 

La sala d’aspetto del reparto di Senologia dell’ospedale San Francesco di Nuoro è diversa da come potrebbe essere nell’immaginario collettivo: una piccola stanza con colori pastello alle pareti, illuminata dalle pennellate sgargianti e gradevoli delle tele appese. È un percorso visivo, fatto dagli alunni del Liceo Artistico Francesco Ciusa, che ha inizio con un segno a spirale per poi ripercorrere tutta la simbologia femminile della Sardegna arcaica: un richiamo alle nostre radici ma anche un modo per rendere meno anonimo ed angusto uno spazio ospedaliero.

Il reparto di senologia del San Francesco di Nuoro

Il reparto di senologia del San Francesco di Nuoro

Anche il corridoio che conduce alle sale operative è pieno di colori: il percorso termina proprio in quelle pareti con tre figure imponenti di donna in costume. Il richiamo alla donna è chiaro: alcune problematiche sono prevalentemente femminili e questo mese, ottobre, è il mese della prevenzione del tumore al seno.

La dottoressa Maria Antonietta Calvisi

La dottoressa Maria Antonietta Calvisi

Abbiamo domandato alla dottoressa Maria Antonietta Calvisi, Responsabile della Struttura semplice di Senologia diagnostica e Presidente della Società italiana di radiologia medica ed interventistica (SIRM), se ci fossero iniziative in programma: «È vero che ottobre è il mese della prevenzione: noi la facciamo sempre, ogni mese, ogni giorno. Accogliamo persone sia per un esame programmato che quelle con caratteristiche d’urgenza dei medici prescrittori, che inviano i pazienti in sezione. Qui in struttura si effettua il ciclo diagnostico chiuso, che significa che le pazienti arrivano, dopo gli accertamenti necessari, alla diagnosi conclusiva. La sezione di senologia dovrebbe essere parte integrante di una breast unite, una delle tre deliberate in ambito regionale che devono essere concretamente attuate».

Il reparto di senologia del San Francesco di Nuoro

Il reparto di senologia del San Francesco di Nuoro

Il tumore al seno è una malattia complessa e come conferma la dottoressa Calvisi, va affrontata con un approccio multidisciplinare: «Tutti i casi clinici vengono discussi qui in equipe ogni lunedì, per personalizzare in vista di un successo terapeutico. La struttura fornisce delle risposte, pertanto va valorizzata e potenziata. Andrebbe portato avanti il discorso della breast unit, che è evidente, non può essere effettuata a costo zero.

Cerchiamo sempre di fare il possibile per curare anche l’approccio con la nostra utenza ed anche il progetto con l’Istituto d’arte ne è la prova: le tele dei ragazzi non sono abbelliscono la struttura, ma attraverso questa collaborazione siamo entrati culturalmente in contatto con loro e con le famiglie.
L’ospedale è degli utenti e questo è un valore aggiunto: per questo la sezione andrebbe valorizzata».

I DATI: Le diagnosi di cancro al seno sono cresciute del 15% negli ultimi 5 anni e interessano sempre di più le donne giovani sotto i 40 anni. Il tumore viene ancora definito il Big killer numero 1 delle donne: secondo i dati ufficiali del Rapporto Aiom/Airtum in Italia sono circa 53.000 i nuovi casi stimati quest’anno, in aumento rispetto ai 52.800 del 2018. Una crescita dovuta anche all’estensione dei programmi di screening che consentono di individuare i tumori in fase iniziale e mantengono alta la percentuale di sopravvivenza a 5 anni dalla prima diagnosi, l’87%.

Il SIRM ha istituito un numero verde per avere informazioni sulla prevenzione: 800 – 282 462.

Fatima Becchere

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento