Copragri. Niente rimborsi per gli agricoltori per le calamità 2017 2018

mercoledì 19 giugno 2019, Aggiornato alle 18:55
Home > CRONACA REGIONALE > Copragri. Niente rimborsi per gli agricoltori per le calamità 2017 2018

Copragri. Niente rimborsi per gli agricoltori per le calamità 2017 2018

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.

«Ci era stato promesso che l’erogazione dei contributi per il ristoro dei danni provocati dalle calamità del 2017 ai comparti diversi dall’ovicaprino avrebbe avuto tempi celeri come quelli che hanno caratterizzato la concessione dei rimborsi ai pastori. Nulla di tutto questo: gli agricoltori non hanno visto ancora un centesimo».

Lo denuncia Pietro Tandeddu, direttore regionale di Copagri Sardegna. Non basta: «la delibera per il riconoscimento dei danni provocati dalle calamità del 2018, verificatesi a partire dal mese di maggio e susseguitesi sino al mese di novembre, è stata adottata solo il 22 febbraio 2019 – aggiunge – causa il ritardo nella predisposizione della relazione tecnica da parte di Argea e sappiamo già che i fondi sono insufficienti rispetto all’ammontare dei danni».

«La situazione è già complessa di suo, ma se poi abbiamo anche un braccio operativo della Regione, l’Agenzia Argea, che dovrebbe operare di pari passo ed invece agisce nei fatti come una struttura autonoma – afferma Ignazio Cirronis, presidente regionale di Copagri – tanto vale riportarla all’interno della struttura assessoriale e i tanti ritardi che si registrano su questo ed altri provvedimenti come su quasi tutti i bandi del PSR, potranno essere almeno diminuiti».

Da qui un appello alla nuova Giunta regionale “a provvedere rapidamente per garantire l’erogazione delle risorse per le calamità dei due anni passati”.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento