sabato 4 luglio 2020, Aggiornato alle 18:43
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Cellulari in classe? La proposta di legge è di divieto assoluto, anche per gli insegnanti

Cellulari in classe? La proposta di legge è di divieto assoluto, anche per gli insegnanti

 

Vietare l’uso dei cellulari a scuola, salvo in casi particolari, nei luoghi e negli orari dell’attività didattica. È una delle norme contenute nelle proposte di legge che mirano a reintrodurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole primarie e secondarie. In particolare per quanto riguarda «l’utilizzo del cellulare e di altri dispositivi elettronico-digitali» il divieto è inserito in una proposta della Lega (Giorgia Latini) e in una dell’ex ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini (Forza Italia). «Per come la vedo io – dice il leghista Massimiliano Capitanio, primo firmatario del primo progetto per la reintroduzione dell’educazione civica a scuola – dovrebbe essere una norma di buon senso tenere il cellulare spento in classe. Un po’ come uno non tiene il casco in testa. Purtroppo però assistiamo continuamente alla diffusione di video registrati di nascosto a danni di compagni e docenti». Di qui l’ipotesi di esplicitare il divieto nel nuovo disegno di legge sull’educazione civica all’esame alla Camera.

«Il cammino della legge è ancora lungo e non è detto che si renda necessario mettere per iscritto il no ai telefonini. Alla fine dovremo raggiungere un accordo per un testo unico e a quel punto vedremo che fare con il cellulare. Una cosa però è certa: se lo si vieta, le regole dovranno essere uguali per tutti, professori inclusi».

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error: Content is protected !!