Allacci abusivi a luce e acqua. Denunciati, rischiano sei anni di carcere

Sonia

Allacci abusivi a luce e acqua. Denunciati, rischiano sei anni di carcere

mercoledì 23 Novembre 2022 - 12:27
Allacci abusivi a luce e acqua. Denunciati, rischiano sei anni di carcere

Rischiano fino a sei anni di carcere  per allacci abusivi a luce e acqua.  Una famiglia composta da quattro persone, dopo un attento controllo iniziato mesi fa, è finita nel mirino della Tenenza di Arbatax unitamente a personale tecnico di ENEL e ABBANOA. 

Le fiamme Gialle attraverso una comparazione della documentazione acquisita dalle società erogatrici dei servizi pubblici e l’analisi dei dati riferiti ai consumi di acqua e corrente elettrica,  hanno verificato che i costi indicati nelle bollette erano esigui per una famiglia di quelle dimensioni e, non si ponevano in linea con lo standard e le statistiche nazionali.

Successivamente, dopo l’OK  dalla Procura della Repubblica di Lanusei, I Finanzieri hanno eseguito un’ispezione nell’abitazione della suddetta famiglia scoprendo che il risparmio di energia elettrica avveniva bypassando il contatore, tramite un impianto creato abusivamente e collegato alla rete ENEL e quello  dell’acqua invece attraverso un pozzetto  ubicato nel cortile interno della casa collegato alla rete idrica attraverso  un tubo in polietilene servito da una saracinesca e da un pressostato per la regolazione della pressione. Dalle diverse prove effettuate, emergeva che, nonostante la chiusura del contatore principale e quindi con la totale disconnessione dalla rete idrica pubblica, l’acqua giungeva ad una cisterna posizionata nel giardino all’interno dell’abitazione, bypassando, anche in questo caso, il contatore con la conseguente fornitura abusiva del servizio idrico.

I finanzieri hanno denunciato due della famiglia come presunti responsabili del “furto aggravato” e ora rischiano fino a sei anni di carcere.

Sostieni l'informazione libera e indipendente di Cronache Nuoresi

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta