Incendi nel Montiferru. A Cuglieri due giorni di convegni fra esperti e cittadini per far rinascere il territorio

Sonia

Incendi nel Montiferru. A Cuglieri due giorni di convegni fra esperti e cittadini per far rinascere il territorio

giovedì 18 Novembre 2021 - 12:22
Incendi nel Montiferru. A Cuglieri due giorni di convegni fra esperti e cittadini  per far rinascere il territorio

Scano Montiferro, i danni dell'incendio (© foto S.Novellu)

Il prossimo fine settimana si sono dati appuntamento, nell’ex Seminario Pontificio di Cuglieri, decine di portatori di interesse, studiosi e cittadini che si troveranno a confronto per analizzare i pesanti danni causati dagli incendi che hanno investito il Montiferru questa estate e per provare a mettere in campo possibili soluzioni che facciano rinascere il territorio sul piano paesaggistico, agricolo e socioculturale. A organizzare l’iniziativa è l’Istituto sardo di scienze lettere e arti (ISLA), la neonata associazione Montiferru e il Comune di Cuglieri. Collaborano inoltre alla buona riuscita dei lavori, anche attraverso il proprio patrocinio, la Fondazione di Sardegna, il Banco di Sardegna, l’Unione dei Comuni del Montiferru-Alto Campidano, l’Unione dei Comuni Planargia e Montiferru Occidentale, l’Associazione Giardini Italiani-Amici del Giardino di Sardegna, l’Associazione Marafè, il Comitato tutela San Leonardo de Siete Fuentes, la sezione Sardegna del FAI (Fondo per l’Ambiente italiano), la sede di Cuglieri dell’ICSL- Istituto Comprensivo Santu Lussurgiu, la Sezione Sarda della Società Botanica Italiana (SBIss), l’Hortus Botanicus Karalitanus (HBK), l’Università di Cagliari e la Protezione Civile di Cuglieri.

Sabato 20 novembre. Si parte sabato 20 alle ore 9 con l’appuntamento “Chi si prende cura di un albero si prende cura della Terra”, dove gli alunni dell’ICSL Santulussurgiu (sede di Cuglieri) metteranno a dimora diversi alberi proprio in occasione della giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Alle 10 è prevista la registrazione dei partecipanti nell’ex Seminario Pontificio, mentre alle 10,30 ci saranno i saluti istituzionali di autorità e associazioni. Interverranno Andrea Loche, Sindaco di Cuglieri, Diego Loi, Presidente Unione dei Comuni Montiferru-Alto Campidano, Giovanni Maria Luigi Mastinu, Presidente Unione dei Comuni Planargia-Montiferru occidentale, Antonello Cabras, Presidente Fondazione di Sardegna, Antonello Arru, Presidente Banco di Sardegna, Pier Paolo Arca, Presidente Associazione Montiferru, Enrico Fenu, Presidente Associazione Marafé, Rosi Zuliani, Presidente AGI-Associazione Giardini Italiani, Bruna Bianchina, Capogruppo FAI Oristano, Giovanni Matta, Presidente Comitato tutela San Leonardo de Siete Fuentes, Emmanuele Farris, Presidente SBIss – Sezione Sarda della Società Botanica Italiana, Gianluigi Bacchetta, Direttore Hortus Botanicus Karalitanus (HBK) Università di Cagliari. La mattinata entrerà nel vivo alle 11 con la presentazione del libro “Gli incendi del 2021 nel Montiferru-Planargia”. A coordinare la tavola rotonda il giornalista Giacomo Mameli e l’ex rettore dell’Università di Sassari, Attilio Mastino, mentre interverranno nel dibattito, che poi si aprirà alla discussione e alle domande del pubblico, Ignazio Camarda, Sergio Vacca, Renato Brotzu, Giuseppe Brundu, Matteo Cara, Alessandra Casu, Alessandro Delitala, Giuseppe Delogu, Emmanuele Farris, Ignazio Floris, Salvatore Naitana, Graziano Nudda e Fausto Pani.

Dopo la pausa pranzo i lavori riprenderanno alle 15,30 con il prof. Emmanuele Farris, Presidente Sezione Sarda della Società Botanica Italiana, che aprirà la presentazione del libro del prof. Ignazio Camarda “Grandi alberi e foreste vetuste della Sardegna – Un patrimonio di Biodiversità, Storia e Paesaggio”. Fra i relatori il prof. Gianluigi Bacchetta, il prof. Giuseppe Brundu, e gli esperti Giuseppe Delogu e Graziano Nudda. Alle 17 si aprirà il confronto sul tema degli alberi monumentali della Sardegna dal titolo: “Quale tutela per i grandi alberi?”. Alle ore 18 si parlerà di “La cultura cura!”, con la proiezione del video di Giovanni Tumbarinu sull’incendio del Montiferru, la lettura di brani sul tema degli incendi, a cura della Compagnia delle Donne, e il concerto de Sos Cantores di Cuglieri con la lettura del sonetto del poeta Tatanu Curcu. Alle 19 sarà il momento di “Insieme per l’Ambiente”, curato dall’Assemblea della Sezione Sarda della Società Botanica Italiana, e aperto a tutte le persone interessate alle scienze botaniche e vicine alla SBIss. La fitta giornata di attività si chiuderà alla 20,30 con una cena sociale organizzata nel ristorante Desogus.

Domenica 21 novembre. In occasione della festa nazionale dell’albero, che cade proprio il 21 novembre, la seconda giornata di appuntamenti in calendario a Cuglieri sarà dedicata, dalle ore 9 alle 14, a una serie di escursioni botaniche e visite in aree dei comuni colpiti dagli incendi. Ad accompagnare i partecipanti ci saranno i volontari del FAI, l’Associazione Montiferru, l’Associazione Giardini Italiani, mentre i rappresentanti di ISSLA e SBIss seguiranno le attività di piantumazione degli alberi d’olivo e le analisi e le riflessioni in campo sul tema del recupero del paesaggio degli oliveti storici e del paesaggio naturale di Sinis, Montiferru e Planargia.

Il presidente dell’Associazione Montiferru. “La scorsa settimana abbiamo presentato la nostra associazione e dalle parole siamo subito passati ai fatti con il ricco programma di eventi organizzato il 20 e 21 novembre”. Lo ha detto il presidente dell’Associazione Montiferru, Pier Paolo Arca, che ha aggiunto: “L’Associazione, avvalendosi del comitato tecnico scientifico che è organo statutario, coinvolgerà gli esperti accademici e tecnici del mondo botanico, paesaggistico, geologico e forestale per poter offrire un contributo fattivo alla rigenerazione e ricostruzione del nostro territorio. Cercheremo quindi di mettere assieme un gruppo che attraverso l’Associazione Montiferru dialoghi con cittadini e istituzioni in un confronto che porti da subito ad azioni concrete e tangibili”.

Info. La manifestazione è aperta al contributo di quanti hanno a cuore le tematiche della conservazione dell’ambiente, del paesaggio e dell’economia rurale del Montiferru-Planargia e della Sardegna. Nella due giorni è aperto anche il tesseramento per i nuovi soci che vorranno iscriversi all’Associazione Montiferru. È bene ricordare che gli eventi al chiuso sono fruibili solo previa presentazione e verifica del green-pass. Per chi volesse maggiori informazioni può rivolgersi all’Associazione Montiferru scrivendo una e-mail all’indirizzo: associazionemontiferru@gmail.com oppure chiamando i numeri: 3939177698 (Giovanni) e 3490988739 (Pier Paolo). Si può inoltre contattare il Comune di Cuglieri scrivendo a protocollo@comune.cuglieri.or.it o telefonando al numero 328 7237829 (Lello).

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta