Magliette bianche. È la lotta di tutta la Sardegna, unita – Scambio di doni tra Cagliari e il Nuorese

Sonia

Magliette bianche. È la lotta di tutta la Sardegna, unita – Scambio di doni tra Cagliari e il Nuorese

sabato 01 Maggio 2021 - 18:15
Magliette bianche. È la lotta di tutta la Sardegna, unita – Scambio di doni tra Cagliari e il Nuorese

Magliette bianche - L'esibizione dei Mamuthones (foto K.Lai)

Il Primo Maggio, festa del lavoro, un’utopia ormai per tanti, le Magliette bianche scendono in piazza a Cagliari davanti al palazzo della Regione. . La rabbia delle Partite IVA e delle imprese arriva a Cagliari da tutta l’Isola e anche dal Nuorese.

Cagliari. Manifestazione delle Magliette Bianche (foto K.Lai)

Cagliari. Manifestazione delle Magliette Bianche (foto K.Lai)

Una delegazione di barbaricini era presente all’evento, rappresentata dall’imprenditore Antonio Sanna il quale, salito sul palco ha suggellato la collaborazione tra il nostro territorio e il capoluogo regionale, rappresentato dall’organizzatore del movimento Fabio Maccio, attraverso uno scambio di doni reciproco fatto dal tipico berretto in vellutino da una parte e dall’altra dalla maglia bianca simbolo della lotta «una lotta apartitica ma di tutti i sardi uniti» come ah precisato Macciò nel corso della diretta da noi trasmessa.

Cagliari. Manifestazione delle Magliette Bianche Fabio Macciò (foto K.Lai)

Cagliari. Manifestazione delle Magliette Bianche Fabio Macciò (foto K.Lai)

Sanna ha esposto il problema delle attività del Nuorese, ormai al collasso: «non possiamo continuare a rimanere chiusi, noi eravamo pronti, e lo abbiamo dimostrato, per ripartire in sicurezza».

Magliette bianche - Antonio Sanna e Fabio Macciò (foto K.Lai)

Magliette bianche – Antonio Sanna e Fabio Macciò (foto K.Lai)

Il momento topico è stato raggiunto con la presenza sul palco dei Mamuthones a rinnovare le tradizioni che non possono essere cancellate dalla pandemia.

Dalle 17.00 è in corso un dibattito fra esperti dove si stanno esponendo tutte le sfaccettature dell’emergenza sanitaria.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta