Corrias (PD): “Preoccupazione per il cantiere Intermare, a rischio 500 posti di lavoro”

Sonia

Corrias (PD): “Preoccupazione per il cantiere Intermare, a rischio 500 posti di lavoro”

mercoledì 31 Marzo 2021 - 09:38
Corrias (PD): “Preoccupazione per il cantiere Intermare, a rischio 500 posti di lavoro”

Il consigliere PD Salvatore Corrias chiede lumi sul mancato rinnovo della concessione demaniale.

Le rappresentanze sindacali che operano nel cantiere di Arbatax hanno i giorni scorsi manifestato forte preoccupazione sul futuro dell’importante presidio metalmeccanico Ogliastrino. Durante un incontro con i vertici SAIPEM, la società proprietaria di Intermare, sarebbero infatti emerse difficoltà sul rinnovo della concessione pluriennale degli spazi nel porto di Arbatax.

L’Intermare è una importante realtà economica Ogliastrina, che ha progressivamente negli anni conquistato un ruolo di primo piano nella costruzione di piattaforme off shore per estrazione e trattamento di olio e gas ed è riuscita, negli ultimi anni, a diversificare nel settore delle rinnovabili grazie a una mirata e accorta politica industriale indirizzata verso la transizione energetica.

«Nel cantiere operano attualmente circa 150 maestranze dirette, altamente professionalizzate che sono impegnate nella produzione o nella supervisione dei subcontrattisti specializzati presenti nell’indotto locale che lavorano per imprese esterne, per un totale complessivo di circa 500 posti di lavoro – riferisce il consigliere regionale Salvatore Corrias.

Il cantiere di Arbatax è divenuto un polo di eccellenza a livello mondiale, peraltro, ben integrato nel contesto locale, con un impatto positivo sul territorio non solo in termini di crescita economica ma anche di formazione di nuove e specializzate professionalità. Per questo chiediamo all’assessore regionale Quirico Sanna di volere al più presto procedere con i rinnovi e rassicurarci perché uno scenario senza Intermare non è assolutamente pensabile per la nostra Ogliastra».

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta