venerdì 7 agosto 2020, Aggiornato alle 19:27
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Nuoro. La denuncia: Il “Giardino di Alzheimer” diventerà una semplice area verde con bar

Nuoro. La denuncia: Il “Giardino di Alzheimer” diventerà una semplice area verde con bar

Nuoro, il giardino di Alzheimer (foto S.Novellu)
Nuoro, il giardino di Alzheimer (foto S.Novellu)

Il Giardino Alzheimer annesso alla Casa Protetta di via Trieste sta conoscendo una triste parabola che potrebbe concludersi addirittura con la sua trasformazione in una qualsiasi area verde con bar a scapito dello spirito che ne ha animato la ideazione.

La denuncia arriva dall’associazione Alzheimer Nuoro, dalla parrocchia di San Giuseppe, dal comitato di quartiere Nugoro Nobu e l’associazione Fare Cittadinanza. Un altro scempio si sta per consumare nei confronti di una fascia di popolazione debole e delle loro famiglie.

«Attualmente tra Nuoro e Nuorese sono circa 1.500 i malati di questa patologia che necessitano di un supporto di questo tipo, considerando che nel nostro territorio non esiste un centro diurno ma solo uno di sollievo» dice la signora Salvatora Conchedda referente per l‘associazione Alzheimer: «le famiglie si trovano a volte a combattere da sole questa malattia in aumento nella nostra provincia, oltre a pensare ai  sofferenti  di Alzheimer che sono soli senza nemmeno un familiare che li supporta».

Cittadini e il sacerdote della parrocchia del quartiere don Francesco Mariani denunciano:  «l’assoluta indifferenza nella quale gli attuali amministratori comunali vivono una vicenda che per molti anziani della nostra città è invece di vitale importanza».

«Sono anni che cerchiamo di avere un confronto franco e sereno con gli amministratori comunali, ma le nostre richieste sono rimaste sempre senza risposta alcuna, mentre i lavori di ristrutturazione del giardino sembrano avviati alla conclusione. Abbiamo chiesto in via formale un intervento chiarificatore e l’accesso agli atti che riguardano la vicenda, ma anche in questo caso l’unica risposta è stato il silenzio assoluto». Sia chiaro che non ci arrendiamo e possiamo assicurare agli amministratori comunali che ci batteremo strenuamente con l’obiettivo di dare alla città una struttura di cui si sente un gran bisogno.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error: Content is protected !!