mercoledì 5 agosto 2020, Aggiornato alle 13:35
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Nuoro. Via libera da ATS e Comune per i Centri estivi: da lunedì l’apertura ufficiale

Nuoro. Via libera da ATS e Comune per i Centri estivi: da lunedì l’apertura ufficiale

Nuoro, piazza Satta e la scuola materna Guiso-Gallisai(© foto S.Novellu)
Nuoro, piazza Satta e la scuola materna Guiso-Gallisai(© foto S.Novellu)

Il nucleo di valutazione formato da Comune e Ats ha finora dato il via libera ai progetti di 11 centri estivi organizzati da scuole e associazioni cittadine e destinati all’accoglienza di bambini e ragazzi. Le riaperture partiranno da lunedì.

L’autorizzazione è arrivata dopo l’analisi dell’offerta proposta dai gestori, in particolare riguardo dell’osservanza delle linee guida in materia sanitaria disposte da Governo e Regione. Per altri progetti pervenuti all’amministrazione sono in corso le valutazioni da parte della commissione. Ad oggi i centri autorizzati (qualcuno ha   già fatto una settimana di sperimentazione) per bambini e ragazzi dai 3 ai 17 anni sono “Insieme per ricominciare” della scuola materna N.S. delle Grazie, “Di nuovo insieme…in sicurezza” della scuola materna Guiso-Gallisai, “Una vacanza in città 2020” dell’associazione Dietromammanonsiamo, “Ludoteca solidale” della Handball athletic club Nuoro, “Giochilù” dell’associazione omonima, “Estate special” della parrocchia S. Domenico Savio, “Ecolonie 2020” del Ceas – Alternatura e il “Centro Estivo Senza Pensieri” gestito dalla Lariso che in accordo con il Comune ha rimodulato la progettazione e prevede l’iscrizione gratuita.

Tra quelli dedicati ai bimbi dai 3 mesi ai 3 anni, finora sono stati autorizzati “La Coccinella” della cooperativa San Camillo de Lellis, “Cucciolandia” dell’associazione I sogni son desideri e “Le Coccole” dell’omonimo asilo nido.

«È una splendida notizia per i bambini, per le loro famiglie e per i lavoratori del settore», commenta il sindaco Andrea Soddu. «In particolare – sottolinea – i bambini sono la fascia di cittadini che maggiormente ha sofferto durante il lockdown. Sono stati privati del gioco e della socialità con i loro coetanei, fondamentali nell’età dello sviluppo. Per questo la possibilità per loro di frequentare il centro estivo rappresenta il più bel segnale del progressivo e desiderato ritorno alla normalità. Ai bambini e ai ragazzi auguro un’estate alla meritata insegna della spensieratezza e del divertimento e agli operatori una buona ripresa del lavoro».

Sulla stessa lunghezza d’onda l’assessore ai Servizi sociali Valeria Romagna. «I bimbi – afferma – hanno visto interrotto bruscamente il loro percorso educativo e lo stravolgersi di ogni loro abitudine. La riapertura dei centri estivi e la ripartenza in sicurezza era un obiettivo di tutti. Ai bambini, le famiglie e alle imprese l’augurio che quanto passato resti solo un brutto ricordo, al nucleo di valutazione di Comune e Ats, va invece il ringraziamento per la professionalità e l’impegno che stanno dimostrando».

«Il servizio offerto dai centri estivi – aggiunge il vicesindaco e assessore alla Pubblica istruzione Sebastian Cocco – costituisce una prima risposta concreta a una duplice esigenza: da un lato, quella dei bambini che si riappropriano del diritto al gioco e alla socialità; dall’altro, quella dei genitori che hanno ripreso le attività lavorative e che si sentono, in tal modo, rassicurati dalla competenza e dalla professionalità degli educatori. Insomma, i bambini sono in mani sicure».

© Tutti i diritti risrevati

Lascia un commento

error: Content is protected !!