lunedì 21 settembre 2020, Aggiornato alle 17:19
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Pedagogista esclusa dal bonus e dal lavoro: “Non mi hanno concesso i 600 euro e a Nuoro non si trovano DPI”

Pedagogista esclusa dal bonus e dal lavoro: “Non mi hanno concesso i 600 euro e a Nuoro non si trovano DPI”

La pedagogista nuorese

 

Il lavoro che si ferma due mesi per il lockdown, l’affitto e le bollette dello studio da pagare, ma niente bonus da 600 euro per quella categoria di professionisti a partita Iva che beneficiano di un contratto a tempo determinato, anche se di poche ore al mese. E poi, dopo aver aspettato il 4 maggio per tornare in studio e iniziare finalmente a lavorare, non si trovano i DPI come da indicazioni INAIL e per settimane si continua a rimare disoccupati.

Una storia diventata una gabbia senza via di uscita quella di una pedagogista e terapista nuorese, emblematica di quella categoria degli ‘invisibili’ che non rientrano tra i destinatari delle misure erogate dal Governo per chi è andato in difficoltà economica durante l’emergenza Covid19. «Non è possibile che pur avendo i requisiti richiesti le domande vengano rigettate solo perché alla nostra partita Iva si aggiunge un contratto marginale di tipologia diversa – testimonia la pedagogista. Ho fatto domanda per il bonus ai primi di aprile e la risposta per dirmi che sono stata esclusa “perché titolare di un rapporto di lavoro dipendente” è arrivata solo qualche settimana fa. A questo punto mi spetterebbe un fondo di integrazione salariale – grazie alla cooperativa in cui presto servizio per 12 ore settimanali – pari a circa un terzo del Bonus, cifra che ancora oggi non è arrivata, nonostante la solerzia del mio datore di lavoro. Nel frattempo ho continuato a sostenere le spese per affitti e bollette, ma ora sono arrivata al limite”. Un’ingiustizia per la dottoressa nuorese, dopo una vita di studio, formazione e sacrifici, e non è il solo torto che subisce».

“Il 4 maggio sarei voluta tornare a lavorare – spiega ancora – ma anche questo non mi è stato e non mi è ancora consentito: le mascherine, i guanti e i camici monouso come previsto dall’INAIL per tutelare me e i miei pazienti a Nuoro non si trovano e così sono altre due settimane che aspetto un ordine che a questo punto non so quando arriverà».

«Pur comprendendo la situazione eccezionale che si è venuta a creare con la pandemia – premette la terapista – ritengo che si sarebbero dovute fare delle distinzioni e non rigettare a priori le domande soltanto perché in essere vi è un contratto. Sono una professionista che ha sempre pagato le tasse, che ha seguito le regole imposte per combattere questa pandemia, cercando di saldare affitti e bollette pur non guadagnando. Non merito un trattamento così e come me non lo meritano tanti altri. Ed è per questo che ho deciso di fare domanda per il riesame della pratica e se mi sarà rigettata ancora – conclude – valuterò se muovermi per vie legali».

M.G. Fossati

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI