martedì 29 settembre 2020, Aggiornato alle 20:30
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Omicidio Monni Masala: rigettate le richieste della Difesa Cubeddu

Omicidio Monni Masala: rigettate le richieste della Difesa Cubeddu

Processo Monni-Masala, gli avvocati della famiglia Masala
Gli avvocati Antonello Cao e Rinaldo Lai durante un processo a Nuoro

 

La Corte d’Assise d’appello ha rigettato con un’ordinanza le richieste della difesa di Alberto Cubeddu, già condannato all’ergastolo in primo grado a Nuoro per il duplice omicidio di Gianluca Monni e Stefano Masala avvenuti esattamente il 7 e 8 maggio di cinque anni fa.

La difesa aveva chiesto di sentire nuovamente in udienza persone che hanno interagito con l’ispettore Sechi che in primo grado aveva dichiarato di aver avuto informazioni importanti da una fonte di Orune ma si era appellato al segreto d’ufficio come è stata rigettate la richiesta di voler sentire alcuni parenti e lo stesso

Pietro Enrico Pinna condannato anche lui, come il cugino Cubeddu, per il duplice fatto di sangue.

La Corte, agli avvocati difensori di Cubeddu Mattia Doneddu e Patrizio Rovelli,  ha rigettato sul rilievo della tardività e comunque della irrilevanza tutte le questioni prospettate.

Alle  questioni preliminari, processuali e alle richieste istruttorie legate alla rinnovazione dl dibattimento si erano opposti i procuratori generali De Falco e Pischedda che dal collegio di parte civile costituito dagli avvocati Antonello CaoRinaldo Lai e Margherita Baragliu per la famiglia Monni, Caterina Zoroddu e Angelo Magliochetti per la famiglia Masala.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI