sabato 8 agosto 2020, Aggiornato alle 11:04
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Bufera nella sanità: Succu reintegrato del ruolo di sindaco di Macomer dal Prefetto

Bufera nella sanità: Succu reintegrato del ruolo di sindaco di Macomer dal Prefetto

Il sindaco di Macomer Antonio Succu
Il sindaco di Macomer Antonio Succu

Dopo sei mesi agli arresti domiciliari e la ritrovata libertà nei giorni scorsi, il sindaco di Macomer Antonio Onorato Succu, coinvolto nell’inchiesta su un presunto giro di assunzioni pilotate nella ASSL di Oristano, è stato reintegrato nel suo ruolo di primo cittadino dalla Prefetta di Nuoro Anna Aida Bruzzese.

È lo stesso Succu a darne notizia attraverso una lettera ai suoi concittadini ai quali spiega di dover ancora decidere se continuare o interrompere la sua esperienza amministrativa. “Care concittadine e concittadini, sono stato reintegrato con provvedimento del Prefetto di ieri 30 marzo – annuncia Succu – sento pertanto il dovere di comunicare con voi tramite questa lettera. La privazione della libertà che ho subito è stata una sofferenza atroce, mi sono state di sollievo la mia famiglia e le innumerevoli attestazioni di stima e solidarietà che indirettamente mi sono pervenute. Ho fatto il sindaco con umiltà – sottolinea – sentendomi sempre un servitore della comunità e mai il primo cittadino. Deciderò pertanto serenamente con la mia maggioranza eletta dalla città, che ringrazio per l’encomiabile impegno al servizio della comunità, se continuare o meno con l’impegno politico amministrativo. Nella decisione non potrò tralasciare una riflessione sulla mia salute già messa a dura prova”.

Succu si sofferma, infine, sugli aspetti giudiziari legati all’inchiesta Ippocrate in capo alla Procura di Oristano e che lo vede coinvolto. “La mia attività politica, amministrativa e professionale è sempre stata improntata all’etica, all’onestà e al rispetto delle norme e delle leggi – chiarisce. Credo nella giustizia convinto che perseguirà il fine della verità oggettiva ed imparziale”.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error: Content is protected !!