domenica 12 luglio 2020, Aggiornato alle 18:54
Home > CRONACA REGIONALE > Dopo il blocco Tirrenia, si invoca il ripristino della tratta Civitavecchia-Olbia e la movimentazione delle merci

Dopo il blocco Tirrenia, si invoca il ripristino della tratta Civitavecchia-Olbia e la movimentazione delle merci

Cagliari, attracco di una nave Tirrenia in porto (foto S.Novellu)
Cagliari, attracco di una nave Tirrenia in porto (foto S.Novellu)

 

Lo stop delle corse della Tirrenia cade come un macigno pesantissimo sulla testa dei sardi già gravati dall’emergenza  sanitaria COVID -19 con ripercussioni sociali e economiche allarmanti.

Un congelamento dei conti della società inaspettato da parte dei commissari  straordinari  Gerardo Longobardi, Beniamino Caravita di Toritto e Stefano Ambrosini.

Nonostante precisa la società di Onorato in una nota che “la società è liquida ma che di fatto il blocco dei conti correnti ne impedisce l’operatività”.

Sul punto interviene Coldiretti Sardegna che esprime grande preoccupazione per il comparto agricolo sardo e per tutto il sistema economico che gravita attorno, imprese che basano il loro lavoro con la continua movimentazione delle merci.

«Stiamo vivendo tutti dei giorni molto difficili – commenta il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu -, per questo la notizia del blocco delle corse della Tirrenia è ancora più sentita. Non possiamo però per questo fermarci o fermare il nostro lavoro, ne deriverebbe una deriva senza ritorno con conseguenze sociali gravissime».

Secondo i vertici di Coldiretti «guardando avanti e pensando agli interessi dei nostri soci e di tutta la Sardegna – continua Cualbu – non possiamo che augurarci che  si faccia un bando internazionale per le corse marittime in cui finalmente si valorizzino i prodotti locali. Per questo, con l’auspicio che presto tutto torni alla normalità, sollecitiamo il presidente e la Giunta affinché nel bando si ponga come vincolo l’utilizzo delle eccellenze sarde a bordo. Le navi sono un biglietto da visita e una vetrina per tutto il nostro patrimonio agroalimentare che non si può continuare a trascurare».

Intanto in una nota stampa delle 16.30 L’imprenditore Onorato invoca e promette quanto prima il ripristino della tratta Civitavecchia Olbia.

«La Famiglia Onorato è legata ai collegamenti per la Sardegna da circa 130 anni e per questo motivo e per un obbligo morale ripristineremo uno dei collegamenti essenziali per la Sardegna, il Civitavecchia-Olbia con una nave Moby quanto prima non potendo Cin esercitare il servizio».

 

 

Lascia un commento

error: Content is protected !!
× CLICCA PER CONTATTARCI