giovedì 4 giugno 2020, Aggiornato alle 20:27
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Nuoro. Casa di riposo di via Aosta: nuova morte sospetta

Nuoro. Casa di riposo di via Aosta: nuova morte sospetta

Una delle camere dell'allora residenza
Una delle camere dell'allora residenza "L'Accoglienza" di via Aosta (foto S.Novellu)

 

Ci sarebbe una nuova morte sospetta nella casa di riposo di via Aosta a Nuoro, già nota alle cronache per un’inchiesta per maltrattamenti sfociata nella condanna dell’allora direttrice.

Un pensionato di 84 anni, ospite della struttura, è morto il 18 febbraio poche ore dopo il ricovero all’ospedale San Francesco.

Secondo l’amministratrice di sostegno dell’anziano – che ha presentato una denuncia alla Procura di Nuoro – l’uomo sarebbe morto per negligenza del personale della struttura.

Il Pm Giorgio Bocciarelli ha aperto un fascicolo e inviato due avvisi di garanzia per maltrattamenti e abbandono di incapace, all’indirizzo dell’ex direttrice Rosanna Serra, ora consulente per la gestione del personale – già condannata a cinque anni in primo grado per abbandono di incapace e imputata per maltrattamenti in un secondo processo in corso Nuoro – e Tania Ena, impiegata nel ramo della gestione del personale.

Il magistrato ha anche disposto l’autopsia sul cadavere dell’uomo, che è stata eseguita oggi a Nuoro dal medico legale Vindice Mingioni, alla presenza degli avvocati Francesco Lai e Pietro Salis, che tutelano rispettivamente Rosanna Serra e Tania Ena, e dell’avvocato Antonio Cualbu nominato dai familiari della vittima.

Sarà l’anatomopatologo a fare luce sulle cause esatte di morte dell’anziano, arrivato in ospedale la mattina del 17 febbraio, quando le sue condizioni di salute erano già compromesse a causa di alcune infezioni.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error: Content is protected !!