giovedì 21 novembre 2019, Aggiornato alle 12:43
Home > DALL'ITALIA E DAL MONDO > Istat. Sempre più bambini italiani sono sempre più obesi

Istat. Sempre più bambini italiani sono sempre più obesi

bilancia bambini

 

Da quanto emerge dal rapporto sugli stili di vita effettuato dall’Istat in Italia un minore su quattro è in sovrappeso. Le cifre non sono rassicuranti: la condizione riguarda circa 2 milioni e 130 mila bambini e adolescenti e la maggior parte di loro  non pratica alcuna attività fisica.

Per quanto riguarda lo stile di vita alimentare solo il 12,6% consuma 4 o più porzioni di frutta e verdura ma un quarto dei bambini e degli adolescenti consuma giornalmente dolci e bevande gassate.

Ci sono dei dati confortanti, una lieve inversione di tendenza e cioè che il fenomeno risulta comunque in diminuzione rispetto gli anni precedenti: nel biennio 2017-2018 i bambini è ragazzi sovrappeso erano 25,2%, mentre nel 2010-2011 la percentuale era di 28,5%.
L’indagine Istat inoltre rileva un aumento del numero di coloro che praticano sport:  tra il 2010 e il 2011  il 25,7% non svolgeva nessuna attività fisica, mentre attualmente è il 22,7%.

L’Italia è tra i primi Paesi Europei con i più alti livelli di obesità nei bambini di 7-8 anni, seconda a pari merito con la Spagna con il 18%. La problematica è prevalentemente maschile, mentre l’età più critica risulta essere quella tra i 3 e 10 anni.

Differenze geografiche si possono riscontrare all’interno del nostro stesso Paese, che vede primeggiare il Mezzogiorno con il 29,9%  ed il 32,7% nelle Isole. Anche all’interno della stessa area del Sud sono riscontrabili differenze rilevanti, con percentuali particolarmente elevate in Campania (35,4%), Calabria (33,8%), Sicilia (32,5%) e Molise (31,8%).

Ad essere maggiormente in sovrappeso o obesi i bambini e ragazzi che vivono in famiglie con risorse economiche scarse, soprattutto in quelle in cui il livello di istruzione dei genitori è più basso: il 19% hanno genitori laureati ma raggiunge il 30,1% se non sono andati oltre la scuola dell’obbligo.

Lascia un commento