Istat. Sempre più bambini italiani sono sempre più obesi

Collaboratore Collaboratore

Istat. Sempre più bambini italiani sono sempre più obesi

mercoledì 30 Ottobre 2019 - 11:48
Istat. Sempre più bambini italiani sono sempre più obesi

bilancia bambini

Da quanto emerge dal rapporto sugli stili di vita effettuato dall’Istat in Italia un minore su quattro è in sovrappeso. Le cifre non sono rassicuranti: la condizione riguarda circa 2 milioni e 130 mila bambini e adolescenti e la maggior parte di loro  non pratica alcuna attività fisica.

Per quanto riguarda lo stile di vita alimentare solo il 12,6% consuma 4 o più porzioni di frutta e verdura ma un quarto dei bambini e degli adolescenti consuma giornalmente dolci e bevande gassate.

Ci sono dei dati confortanti, una lieve inversione di tendenza e cioè che il fenomeno risulta comunque in diminuzione rispetto gli anni precedenti: nel biennio 2017-2018 i bambini è ragazzi sovrappeso erano 25,2%, mentre nel 2010-2011 la percentuale era di 28,5%.
L’indagine Istat inoltre rileva un aumento del numero di coloro che praticano sport:  tra il 2010 e il 2011  il 25,7% non svolgeva nessuna attività fisica, mentre attualmente è il 22,7%.

L’Italia è tra i primi Paesi Europei con i più alti livelli di obesità nei bambini di 7-8 anni, seconda a pari merito con la Spagna con il 18%. La problematica è prevalentemente maschile, mentre l’età più critica risulta essere quella tra i 3 e 10 anni.

Differenze geografiche si possono riscontrare all’interno del nostro stesso Paese, che vede primeggiare il Mezzogiorno con il 29,9%  ed il 32,7% nelle Isole. Anche all’interno della stessa area del Sud sono riscontrabili differenze rilevanti, con percentuali particolarmente elevate in Campania (35,4%), Calabria (33,8%), Sicilia (32,5%) e Molise (31,8%).

Ad essere maggiormente in sovrappeso o obesi i bambini e ragazzi che vivono in famiglie con risorse economiche scarse, soprattutto in quelle in cui il livello di istruzione dei genitori è più basso: il 19% hanno genitori laureati ma raggiunge il 30,1% se non sono andati oltre la scuola dell’obbligo.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta