lunedì 11 novembre 2019, Aggiornato alle 19:53
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Nuoro. Siglato l’accordo con l’esercito che restituisce l’ex artiglieria alla città

Nuoro. Siglato l’accordo con l’esercito che restituisce l’ex artiglieria alla città

La firma avvenuta questa mattina

Stamattina nella sede del Genio Civile è stato firmato l’accordo tra la Regione (assessorato agli Enti Locali), l’Esercito Italiano e il Comune di Nuoro che prevede la restituzione alla città dell’area dell’ex artiglieria. L’esercito era rappresentato dal tenente colonnello Andrea Moricca del reparto infrastrutture

Si tratta di un’area di 6 ettari sita nel pieno centro della città che torna in pieno possesso del Comune di Nuoro. che potrà adesso programmare una serie di interventi, volti a fare dell’ex Artiglieria un luogo della cultura, del benessere e della socialità.

«Una giornata storica per la nostra città» ha commentato il sindaco di Nuoro Andrea Soddu. Presente all’incontro anche la giunta al completo, il segretario Giorgio Musso e i funzionari dell’ufficio patrimonio.  «abbiamo riaquisito un’area strategica della nostra città in cui investiremo buona parte dei finanziamenti ottenuti dallo stato, attraverso il bando delle periferie, e dalla regione con i fondi del piano di rilancio del nuorese, più altre misure volte a valorizzare quello che è un grande patrimonio di tutti i nuoresi»

«Nuoro si riappropria di un’area di pregio posta al centro della città, un luogo che diventerà la casa della cultura e del sapere con gli investimenti legati all’università, ma anche dello sport e del tempo libero con la realizzazione di strutture sportive e parchi che possono ospitare bambini e anziani. È il primo passo per realizzare quanto era nei nostri programmi. Il parco dell’Artiglieria è destinato a diventare il nuovo cuore pulsante della città, l’acquisizione da parte del Comune arriva grazie al lavoro della giunta e del consiglio comunale e al proficuo dialogo con la Regione, oggi rappresentata dal direttore generale dell’assorato agli Enti Locali Umberto Oppus, e le istituzioni militari».

Lascia un commento