domenica 29 marzo 2020, Aggiornato alle 6:10
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Incendi e emergenza idrica al vaglio della Regione durante il sopralluogo in città

Incendi e emergenza idrica al vaglio della Regione durante il sopralluogo in città

Gli assessori Frongia e Lampis durante il sopralluogo a Nuoro
Gli assessori Frongia e Lampis durante iun sopralluogo a Nuoro

Sedici incendi nel territorio comunale di Nuoro che diventano 153 dall’inizio dell’anno se si allarga lo sguardo alla provincia: 46 di origine dolosa, 10 di origine colposa e 97 in fase di accertamento. Sono i dati forniti dalla Regione a Nuoro nel corso del sopralluogo congiunto che ha visto impegnati gli assessori dei Lavori Pubblici, Roberto Frongia, e della Difesa dell’Ambiente, Gianni Lampis, nelle zone colpite dai roghi.

«Oggi insieme agli assessori Lampis e Frongia abbiamo visitato la base elicotteristica di Farcana e visto alcune delle zone cittadine colpite dagli incendi. Ci sono stati roghi che hanno riguardato aree all’interno del centro abitato di Nuoro o nelle sue prossimità. Il governo regionale ha mostrato attenzione nei confronti di tutte le comunità, in particolare quelle della nostra provincia, che hanno avuto a che fare con gli incendi» così il consigliere Regionale e presidente dell’Autonomia Pierluigi Saiu in occasione del sopralluogo nel capoluogo barbaricino.  Al vaglio della commissione regionale  la piaga degli incendi che ha colpito l’intero territorio compresa la città di Nuoro e l’emergenza idrica.

La visita degli assessori Lampis e Frongia a Nuoro

La visita degli assessori Lampis e Frongia a Nuoro

Presenti alla conferenza oltre ai vertici del Corpo Forestale, del Genio Civile di Nuoro, il consigliere regionale e presidente alla commissione Ambiente Giuseppe Talanas, il primo cittadino Andrea Soddu e il suo collega di Mamoiada Luciano Barone che commenta positivamente l’incontro avvenuto oggi ma pone l’accento in modo negativo sulla rottura della condotta di Janna e Ferru e per tale motivo chiede il commissariamento di Abbanoa.

«In realtà ci sono 3milioni e 400mila euro per riparare pochi chilometri di tubatura all’interno del centro abitato di Nuoro ma ciò non risolve il problema all’origine ovvero il ripristino totale di 27 chilometri di condotta che passa anche per Mamoiada e serve entrambe le comunità».

Gli assessori Lampis e Frongia hanno elogiato il lavoro sul fronte degli incendi svolto dalla Protezione Civile evidenziando che anche se il numero dei roghi è aumentato rispetto all’estate scorsa è proporzionalmente diminuito il numero di ettari andato in fumo. Contestualmente, hanno annunciato che per il territorio interessato sarà dichiarato lo stato di calamità naturale.

Lascia un commento