domenica 25 agosto 2019, Aggiornato alle 16:01
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Inferno di fuoco in Sardegna. All’origine della devastazione dell’Ogliastra un contadino

Inferno di fuoco in Sardegna. All’origine della devastazione dell’Ogliastra un contadino

Canadair in azione a Tortolì

800 ettari di macchia Mediterranea mettendo in ginocchio il territorio di Tortolì, nella costa sud orientale dell’isola, con 5mila evacuati da camping agriturismi e case private: il grosso incendio che ieri ha distrutto un territorio sarebbe stato causato dall’impudenza di un agricoltore che bruciava sterpaglie in una giornata di vento.

Lo ha affermato  il comandante del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale Antonio Casula confermando ciò che aveva già spiegato all’incontro nel Comune di Tortolì stamattina.

«Non c’è nessun dolo alla base del disastro che ha colpito questo territorio ma un’imprudenza, una azione colposa – ha detto -Abbiamo individuato il punto di innesco dell’incendio che è la zona di San Salvatore nei pressi della spiaggia di Orrì un’area utilizzata per attività agronomiche: il rogo è partito da un agrumeto in cui un uomo stava bruciando residui di potatura accumulati nel suo terreno. L’attività investigativa è nel pieno del lavoro per accertare questa tesi, stiamo incrociando i dati e le testimonianze per avere la certezza di questa responsabilità. Spetterà poi alla magistratura intervenire con provvedimenti adeguati. Se da un lato tiriamo un sospiro di sollievo perché non c’è stato dolo – ha concluso il Comandante – dall’altro constatiamo che nonostante la nostra costante campagna di sensibilizzazione ancora non c’è consapevolezza del divieto di bruciare sterpaglie in una giornata di vento e quindi a forte rischio. Un punto sul quale dobbiamo intervenire con più forza».

© Tutti i i diritti riservati

Lascia un commento