martedì 16 luglio 2019, Aggiornato alle 16:01
Home > CULTURA E SPETTACOLO > Cibo e identità custoditi nel volume presentato oggi all’Isre

Cibo e identità custoditi nel volume presentato oggi all’Isre

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
La copertina del volume del cibo identitario presentato oggi all'Isre (f. F. Becchere)
La copertina del volume del cibo identitario presentato oggi all'Isre (f. F. Becchere)

Si è svolta questa mattina alle 11.00 nella Biblioteca dell’Isre in via Papandrea la presentazione del volume Cibo identitario della Sardegna – Edizione integrale della ricerca – Territori, tipicità e tradizionalità in cucina: ricette e menù.

La raccolta è frutto di un meticoloso  lavoro di ricerca durato un anno e contiene le ricette tipiche della nostra terra, non limitandosi alla mera descrizione ma soffermandosi sul loro significato antropologico.

Un momento del convegno (f.F. Becchere)

Alla conferenza di presentazione hanno partecipato: l’antropologa Alessandra Guigoni, che ha curato la ricerca per conto dell’isre, il presidente dell’Istituto Giuseppe Matteo Pirisi, il direttore generale Manuel Delogu, il direttore del servizio tecnico – scientifico Antonio Deias e la responsabile del settore musei Franca Rosa  Contu.

«L’idea – ha spiegato il presidente Pirisi – nasce da una profonda riflessione sull’omologazione del cibo nella cucina internazionale e nel contempo sulla tipicità culinaria di un luogo mentre lo si visita. Lo studio ha diviso la Sardegna in 5 macroaree, ma non è un lavoro concluso, è in progress con un duplice scopo: valorizzare il patrimonio gastronomico e dare l’opportunità ai ristoratori di aggiungere anche un menù identitario con il logo dell’Isre, con prodotti a chilometro zero. Gli operatori che aderiranno saranno presenti nel nostro sito online con la possibilità di avere maggiore visibilità».

«Il cibo – ha aggiunto Alessandra Guigoni – è cultura e mi sento di dire che storia e turismo vanno di pari passo. Il cibo ha tante valenze e la cultura gastronomica sarda si presta a questi racconti. Ho tenuto conto della diversità delle aree e delle pietanze ed il risultato è una ricerca che contiene 100 ricette nel volume cartaceo, divise in aree territoriali e 350 ricette nell’ebook, di cui circa 50 storiche».

« Ho seguito il lavoro dal principio – ha concluso Franca Rosa Contu – e vorrei ricordare che questo libro è uno strumento con diverse finalità ma sua madre è la ricerca. L’ ebook contiene una mole di dati smisurati, frutto di una rinnovata ricerca sul campo, che non ha mai termine».

F. Becchere

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento