venerdì 19 aprile 2019, Aggiornato alle 18:25
Home > NUORO > Seddone e Musio: “Candidandosi alle Europee, Soddu ha tradito il proprio mandato”

Seddone e Musio: “Candidandosi alle Europee, Soddu ha tradito il proprio mandato”

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Anna Maria Musio e Marcello Seddone (foto S.Novellu)
Anna Maria Musio e Marcello Seddone (foto S.Novellu)

“No, non mi candido. Ho preso un impegno con la mia comunità, con la mia città, e quell’impegno voglio portarlo avanti fino in fondo. Propormi alle prossime elezioni regionali? Mi sembrerebbe di tradire il mio mandato”.

Il sindaco di Nuoro Andrea Soddu (foto S.Novellu)

Il sindaco di Nuoro Andrea Soddu (foto S.Novellu)

«Con queste parole il Sindaco di Nuoro rispondeva alla domanda su un suo possibile impegno in vista delle consultazioni del 24 febbraio. Per quanto ci riguarda il tradimento del mandato, per usare le sue parole, non sta nella sua candidatura alle prossime Europee ma, nell’aver trasformato una coalizione civica – nata per il cambiamento di Nuoro – in un trampolino per l’ingresso in quel PD da lui stesso più volte accusato di aver messo in ginocchio la città». Così gli ex consiglieri comunali Anna Maria Musio e Marcello Seddone.

«Per queste ragioni, vista la svolta politica verso il Centrosinistra della maggioranza Soddu, rispetto alla quale peraltro non c’è stato alcun processo di condivisione o coinvolgimento, riteniamo opportuno e corretto, per rispetto dei tanti cittadini che ci hanno dato fiducia, ufficializzare la nostra uscita dalla Maggioranza e dal Gruppo politico “Ripensiamo Nuoro”, nella cui lista siamo stati eletti nel 2015 con il maggior numero di preferenze».

«Quello che poniamo non è un problema di natura ideologica, bensì di coerenza rispetto al messaggio di “nuovo modo di fare politica” proposto ai cittadini nuoresi, rispetto al quale noi siamo rimasti gelosamente fedeli. Pertanto – concludono – facciamo i nostri auguri al Sindaco per la nuova campagna elettorale, con la speranza – per la città di Nuoro – che tale gravoso impegno non pregiudichi l’azione amministrativa, già appesantita da una verifica lunga un anno e mezzo e con un rimpasto ancora in alto mare».

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento