mercoledì 20 febbraio 2019, Aggiornato alle 11:05
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Macomer. Il Forum per la Rinascita bacchetta gli amministratori per la gestione dei rifiuti

Macomer. Il Forum per la Rinascita bacchetta gli amministratori per la gestione dei rifiuti

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Rifiuti a macomer (foto P.G. Vacca)

 

Implacabile il Forum per la Rinascita di Macomer, un circolo politico che segue le vicende della città, accusa l’Amministrazione comunale di poca attenzione nei confronti dell’operato della CICLAT, la ditta che ha preso in appalto la raccolta dei rifiuti. Secondo il circolo recentemente si è avuto notizia di una multa di oltre 10.000 euro che il Comune avrebbe pagato come penale per il mancato raggiungimento, nel 2016, dell’obiettivo minimo del 65%, stabilito dalla Regione, per la raccolta differenziata.

Da qui una serie di riflessioni, sempre secondo il Forum, che porterebbero a pesanti ricadute economiche, non tanto sul bilancio del comune quanto a carico degli utenti che avrebbero un aggravio della TARI. Il tutto deriverebbe dal fatto che il contratto tra Comune e CICLAT, del luglio 2015, prevedeva il traguardo del 65% nella raccolta differenziata, antro sei mesi e del 75% dopo altri sei mesi.

Al 31 ottobre però, sostiene il Forum, si era al 72,9, solo però nominale, in quanto nel frattempo erano entrati nella raccolta differenziata i rifiuti stradali, che facevano calare il tutto al 68,4%. Questo fatto avrebbe comportato, dicono gli esponenti del movimento, la non fruizione, da parte del Comune, delle agevolazioni stabilite dalla Regione per i centri cittadini più virtuosi, causando un aggravio che si sarebbe riversato sugli utenti.

Il Comune, dunque, avrebbe accettato tutto passivamente non avviando il procedimento per la risoluzione del contratto ma, addirittura riconoscendo alla CICLAT il 50% del guadagno dalla vendita di carta e plastica. Le conseguenze del 2016 si sarebbero poi protratte nel 2017 col pagamento del 5% di penalità e una maggiorazione del 20% sull’ecotassa poiché due anni fa si è arrivati solo al 67,8%, sul 75% previsto dal contratto, (rispetto al 70 % obiettivo stabilito dalla Regione).  Tutto ciò ha fatto in modo che nel 2019 il Comune non potrà  Rifiuti usufruire della riduzione del 28% sulla tariffa del secco. Morale, ancora per il Forum, nel triennio 2017-2019 gli utenti non potranno godere delle riduzioni sulle tasse a causa dell’atteggiamento tollerante del Comune nei confronti della CICLAT.

Pier Gavino Vacca

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento