Fondata nel 1976 da Bobore Nuvoli, l’Associazione Culturale Folkloristica “Canarjos” festeggia oggi i suoi primi 40 anni

Sonia

Fondata nel 1976 da Bobore Nuvoli, l’Associazione Culturale Folkloristica “Canarjos” festeggia oggi i suoi primi 40 anni

sabato 18 Giugno 2016 - 19:48
Fondata nel 1976 da Bobore Nuvoli, l’Associazione Culturale Folkloristica “Canarjos” festeggia oggi i suoi primi 40 anni

Il Coro Canarjos si esibisce al Monte Ortobene (foto S.Novellu)

L’Associazione Culturale Folkloristica “Canarjos festeggia oggi i suoi primi 40 anni.

Oggi Sos Canarjos (“battitori di caccia”) costituiscono un esempio di innovazione nella tradizione.

Questa, d’altronde, era l’idea originaria del suo fondatore, il Maestro Bobore Nuvoli.

Nuvoli istituì il gruppo nel lontano 1976 con orientamenti musicali nuovi che non si discostano dagli aspetti della coralità di ispirazione popolare nuorese, anzi, che ne arricchiscono e ne valorizzano i contenuti.

Col maestro Nuvoli nasce la musica d’autore: sos Canarjos non cantano brani tradizionali rielaborati musicalmente come sino ad allora facevano i cori nuoresi. I “battitori di caccia” cantano brani composti interamente dal fondatore sia nei testi che nelle elaborazioni musicali, tra questi ricordiamo Mariannedda, Su Balente, Lamentos, S’Aneddu.

Il successo del Coro, però, sta soprattutto nell’impegno di tutte quelle persone che nel corso di questi quarant’anni si sono succedute dedicandosi e portando avanti lo spirito, l’anima, l’essenza vera del gruppo che è quella dell‘associazionismo, dell’amicizia e della reciprocità … aspetti questi di fronte ai quali la bravura musicale passa in secondo piano. Tutte queste persone, nessuna esclusa, hanno contribuito inconsapevolmente a donare qualcosa di loro al gruppo arricchendolo e contribuendone alla crescita.

Attualmente il coro è diretto da Giampaolo Caldino il quale ha fatto proprio lo spirito che sta alla base dell’idea originaria di Nuvoli: la scoperta di nuove piste culturali e musicali!

Oggi, oltre ai brani storici, “Sos Canarjos” inftonano anche le composizioni musicali di Caldino che prosegue nel solco del percorso di innovazione nella tradizione con nuove idee musicali come: Su cujubiu, A manu tenta, Intrannas, Sas iscarpeddas e per ultimo Lizu de Nugoro dedicato al proprio fondatore e alla moglie Franca.

Il Coro Canarjos si esibisce al Monte Ortobene (foto S.Novellu)

Il Coro Canarjos si esibisce al Monte Ortobene (foto S.Novellu)

Il Coro si è esibito sui palcoscenici di tutto il monto: tra questi: l’Europeade del Folklore 1977, 1979, 1981, 2003; i Festival Nazionali di Volterra, Mel, Lanciano, Milano, Roma, Penna Sant’Andrea e Bardonecchia; quelli internazionali di Svizzera, Francia, Inghilterra, Spagna e Corsica; quello Mondiale per nazioni – Cioff – Brasile (Caruaru); il Metropolitan di New York; la Casa Bianca Washington; l’Università mondiale del Folklore di Llangollen  (Galles); la Chiesa del Gesù a Roma in occasione del Giubileo nel 2000.

Nel 2000 il Coro ha vinto i campionati mondiali di musica etnica a Llangolle ottenendo il 1° premio coro a 24 voci; il 1° premio coro a 8 voci; il 1° assoluto nella selezione finale fra i primi 18 premiati delle varie sezioni (Trofeo W.S. Gwynn Willams).

Ampia anche la produzione discografica: Canti e Cori di Nuoro; DillirianaFrogas e PazaIntrannas.

Tra le pubblicazioni che parlano de Sos CanariosCanti e cori di Nuoro di Lorenza Vacca; Canti e Cori Spartiti musicali del Maestro Bobore Nuvoli; Nuoro capitale del Folklore sardo – Atti del Convegno – Novembre 2000.

© Tutti i diritti riservati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta