Deteneva soldi falsi in occasione di Cortes Apertas: arrestato

Sonia

Deteneva soldi falsi in occasione di Cortes Apertas: arrestato

mercoledì 15 Ottobre 2014 - 16:13
Deteneva soldi falsi in occasione di Cortes Apertas: arrestato

Una parte delle banconote sequestrate

Una parte delle banconote sequestrate

Una parte delle banconote sequestrate

L’uomo è stato fermato con un totale di 430 euro falsi.

La voce  di un possibile giro di soldi falsi tra gli esercenti di Gavoi si era già sparsa, specialmente in concomitanza con la manifestazione Cortes Apertas, in programma il fine settimana scorso e che ogni anno attrae migliaia di turisti nel centro barbaricino

I Carabinieri non hanno sottovalutato le preoccupazioni dei commercianti che sono stati vittima del raggiro, ne hanno ascoltato le testimonianze, avviando una serie di indagini  che hanno portato al rinvenimento di numerose banconote da 20 e 50 euro  false e tutte con lo stesso numero identificativo, ma che all’apparenza effettivamente potevano trarre in inganno l’occhio meno esperto.

I militari hanno effettuato i controlli in divisa e in abiti borghesi per monitorare eventuali personaggi e movimenti sospetti.

Alla fine è stato fermato G. A., trentanovenne di Oliena, mentre girava a bordo di una motocicletta di proprietà di un gavoese.

L’uomo, ad un controllo più approfondito è risultato essere in possesso di svariate banconote false, aventi tra l’altro lo stesso numero di serie di quelle già recuperate in precedenza, per un totale di 430 in tagli da 50 e  20 euro.

Per il trentanovenne sono scattate le manette per i seguenti reati: spendita e introduzione nello Stato, senza concerto, di monete falsificate. Per questo motivo è stato interessato anche il reparto antifalsificazione monetaria dell’Arma.

Nella mattinata odierna l’arresto è stato convalidato presso il tribunale di Nuoro e Aresu ora avrà l’obbligo di firma presso il Comando della Stazione di Oliena.

Le indagini sono state portate avanti dai Carabinieri di Gavoi guidati dal Maresciallo Mirco Granocchia con il supporto della Stazione di Ollolai, al comando del maresciallo Alfonso Greco, con il coordinamento del Capitano Alessio Zanella della Compagnia di Ottana.

L’attività investigativa non si è arrestata, ma proseguirà per quantificare la reale diffusione di queste banconote.

© Tutti i diritti riservati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta