lunedì 15 luglio 2019, Aggiornato alle 19:51
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Mistero nel processo Dina Dore: spunta un nuovo super testimone

Mistero nel processo Dina Dore: spunta un nuovo super testimone

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Un momento del processo
Un momento del processo

Un momento del processo, in primo piano il PM Danilo Tronci

Alle 14,00 sarà chiamato a testimoniare

Una strana matassa che anziché sciogliersi si aggroviglia sempre di più.

Questa mattina al processo Dina Dore è salita sul banco dei testimoni Anna Rocca, sorella di Francesco Rocca, la quale ha dichiarato che l’attuale Commissario di Orogosolo, Giampiero Putzu (all’epoca dei fatti di ruolo a Gavoi), avrebbe raccolto la testimonianza di un confidente, secondo la quale un certo Antonio Delitala di Bolotana, il giorno dell’omicidio si sarebbe trovato nel paese barbaricino in occasione di un funerale.

I quella circostanza, Delitala, passando in via Sant’Antioco, dove è ubicata l’abitazione di Francesco Rocca, dal garage nel quale si è consumata la tragedia, avrebbe visto un uomo uscire di tutta fretta.

A questo punto, sia il Pubblico Ministero, Tronci, che gli avvocati della difesa, Lai e Manconi, hanno chiesto inizialmente al Commissario Putzu di rivelare il nome del confidente ma questo è tutelato dalla legge che impone assolutamente – come ha precisato il presidente della sezione penale del Tribunale di Nuoro Luigi Demuro – il divieto che un rappresentante delle Forze dell’Ordine possa rivelare le proprie fonti.

Intorno alle 14,00 di oggi, sarà il super testimone, chiamato improvvisamente a testimoniare, fornirà la sua versione dei fatti.

©Tutti i diritti riservati

Lascia un commento