A Nuoro apre lo sportello per l’imprenditoria femminile

Sonia

A Nuoro apre lo sportello per l’imprenditoria femminile

giovedì 23 Giugno 2022 - 11:50
A Nuoro apre lo sportello per l’imprenditoria femminile

Quando si parla di lavoro l’Italia è molto spesso in fondo alle classifiche europee. Il tasso di disoccupazione a fine 2021 era al 9%, un numero non proprio confortante. Numeri che diventano preoccupanti se si va ad analizzare la percentuale di donne che lavorano e che purtroppo sono ancora poche. Stando all’ultimo censimento ISTAT lo scorso anno la percentuale di donne occupate nel nostro paese si è fermata al 51,2%. Un dato bassissimo che porta l’Italia all’ultimo posto in Europa come livello di partecipazione delle donne al mercato del lavoro. Numeri che purtroppo vengono confermati anche dall’analisi di AppLavoro.it. I dati dell’ultimo semestre mostrano come tra gli iscritti al portale ben il 65,55% sono di sesso femminile. Dimostrazione di come in Italia le donne facciano ancora molta fatica ad inserirsi nel mondo del lavoro. Il dato è emblematico se si analizza chi dichiara di essere disoccupata e chi invece è occupata ma si guarda intorno alla ricerca di qualche opportunità migliore. Quasi il 75% delle donne ha dichiarato di non avere alcun impiego al momento dell’iscrizione al portale. Queste sono concentrate maggiormente nella fascia 35-54 anni che sono quasi il 60% del totale. In Sardegna il tasso della disoccupazione nel 2019 era del 14,9%, nel 2020 è calata al 13,2% per risalire nel 2021 al 13,5%. A questi dati bisogna aggiungere quelli dell’inoccupazione, che nel 2019 era del 36,6%, cresciuta al 40,2% nel 2020 e calata al 37,9% nel 2021. Nello specifico nella provincia di Nuoro gli occupati erano 72mila, di cui 31mila donne, con 6mila disoccupati e 51mila inattivi. Sul trend del mercato del lavoro influisce anche un’altra variabile, quella della difficoltà di reperimento di figure specialistiche: in Sardegna tale percentuale si attesta, ad aprile 2022, al 35,6%, aumentata di 13 punti base rispetto al dato del 2019. In Italia la quota di professioni difficili da trovare sul mercato è sul 40,4%, era il 26,5% nel 2019. La valutazione dei dati sull’imprenditoria femminile in Sardegna evidenziano che nell’Isola, al 2021, si contano 39.374 imprese guidate da donne, registrate presso le Camere di Commercio, che operano per lo più nei settori dei servizi alla persona e della pulizia, della moda e delle attività di ristorazione: queste rappresentano il 23,9% di tutte le realtà produttive sarde. Ben 4.327 aziende sono gestite da giovani donne (11% del totale delle imprese femminili artigiane). Su tutta la platea delle donne imprenditrici, quasi 5.946 sono imprese artigiane. Nell’Isola ci sono quasi 40mila aziende femminili ma è proprio sulle donne che si è abbattuta con maggior violenza la forza della crisi Covid. Infatti nel periodo della pandemia si è registrato un calo del 7,8% dell’occupazione femminile indipendente, a fronte del -6,1% registrato dalla componente maschile. Trend negativo anche sul fronte del fatturato delle imprese guidate da donne con una diminuzione di 4,4 punti rispetto alla media.

In particolare nella provincia di Nuoro le imprese donna sono 7.456 di cui 1.056 (14,2%) artigiane. Tra gli interventi proposti nel piano di azione locale per il 2022 della Consigliera di Parità della Provincia di Nuoro è prevista l’apertura e la gestione di uno sportello di consulenza imprenditoriale rivolto alle donne avente lo scopo di supportare la nascita, lo sviluppo e consolidamento di nuove imprese femminili nel territorio provinciale .

Alle donne che si rivolgeranno allo Sportello verrà fornito un un supporto amministrativo e di accompagnamento per la creazione di nuove attività imprenditoriali o start up e progetti innovativi;  un orientamento al lavoro autonomo alla micro-impresa e all’impresa; le informazioni in merito all’accesso alle diverse tipologie di finanziamento a valere su fondi regionali, nazionali e europei sia per la nascita che per il supporto di imprese esistenti; una consulenza sul piano di fattibilità del progetto imprenditoriale;  la promozione della cultura delle pari opportunità e sulle discriminazioni a lavoro Sportello di consulenza imprenditoriale verrà aperto per un giorno alla settimana per 16 ore mensili ( 4ore a settimana):  nelle sede della provincia di Nuoro i primi 3 lunedì del mese mentre nella sede a Lanusei il primo mercoledì del mese. Le donne potranno accedere allo Sportello direttamente, oppure per appuntamento, telefonando al n. 0784/ 230290 ogni lunedì dalle ore 9 alle ore 11.

Il servizio è gestito dal Consorzio Sol.Co. Nuoro che si avvale della collaborazione di uno psicologo del lavoro che si occupa dell’attività di orientamento e di promuovere i contatti con le associazioni di imprese. In questo modo le utenti potranno sviluppare le loro idee imprenditoriali e avere un più facile accesso ai finanziamenti.

Sostieni l'informazione libera e indipendente di Cronache Nuoresi

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta