AIFO: “I profughi Ucraini hanno avuto una corsia preferenziale rispetto agli altri “

Franceschino Nieddu

AIFO: “I profughi Ucraini hanno avuto una corsia preferenziale rispetto agli altri “

martedì 21 Giugno 2022 - 17:54
AIFO: “I profughi Ucraini hanno avuto una corsia preferenziale rispetto agli altri “

I profughi ucraini all'arrivo alla frontiera italiana

“Per quanto tempo?”  Se lo chiede il giornalista Nicola Rabbi in un articolo  pubblicato nel periodico  Amici di Follereau (5-6 maggio giugno),  dedicato  alla condizione dei profughi Ucraini.

L’autore fa un’analisi dettagliata sull’esodo forzato della popolazione Ucraina sottolineando che rispetto ad altri rifugiati nei paesi d’accoglienza hanno avuto una corsia preferenziale.

“L’invasione ucraina ha portato il più grande esodo dal secondo dopo guerra di cittadini che hanno lasciato il proprio paese, sono stati 4,5 milioni  coloro che hanno lasciato l’Ucraina nel primo mese e mezzo di guerra e i paesi confinanti si sono prodigati nell’accoglienza. L’Unione Europea in questa occasione ha avuto una reazione unanime -scrive l’autore-per la prima volta è stata applicata la Direttiva Europea n°55 del 2001 che prevede in situazioni di emergenza la protezione temporanea da uno a tre anni, questo consente ai cittadini Ucraini di recarsi in ogni paese europeo e con la sola richiesta di permesso di soggiorno avranno tutti gli stessi diritti dei cittadini del paese che li ospita”.

Nicola Rabbi pone l’accento sul fatto  che  la reazione europea è stata giusta ma viene spontanea una domanda “Perché questa direttiva non è stata applicata  per quelli  siriani o  quelli afgani che hanno lasciato il loro paese dopo l’avvento dei talebani?. Non può essere un problema numerico, se consideriamo che i rifugiati ucraini sono milioni mentre quelli siriani e afgani sono stati molto meno, per non parlare di quelli appartenenti ad altre nazionalità”.

Si assiste a un trattamento a doppio binario: come se eritrei, afgani, kurdi, palestinesi, nord africani scappano perché vogliono cambiare stile di vita e avere più opportunità e non per la situazione di pericolo che esiste nei loro paesi e il loro viaggio della speranza in Europa finisce nei CPR o CPA.

C’è un altro aspetto che viene evidenziato dal giornalista nell’articolo: che il colore della pelle, l’etisia o la differenza di genere ha condizionato l’espatrio dall’Ucraina.

«L’accoglienza, solidarietà, diritti umani sono dei bei principi, ma non sempre vengono considerati e applicati nella loro pienezza, ci sono ancora resistenze, pregiudizi e riserve nei confronti dell’altro,  spesso dovuti anche a normative di cui spesso viene applicato solo l’aspetto restrittivo e non quello di apertura, soltanto le associazioni di volontariato laico e religioso e le ONG affrontano le situazioni dei profughi, degli stranieri senza se e senza ma» conclude Rabbi.

F.Nieddu

Sostieni l'informazione libera e indipendente di Cronache Nuoresi

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta