Nuoro. Il Comune batte cassa: Nuovi parcheggi (blu) nell’area del centro commerciale di Biscollai. È polemica

Nuovo

Nuoro. Il Comune batte cassa: Nuovi parcheggi (blu) nell’area del centro commerciale di Biscollai. È polemica

venerdì 10 Giugno 2022 - 11:45
Nuoro. Il Comune batte cassa: Nuovi parcheggi (blu) nell’area del centro commerciale di Biscollai. È polemica

Parte della planimetria con i nuovi stalli e sensi di marcia

Mentre in città non si sono ancora placate le polemiche per il caos generato dagli eterni lavori per la realizzazione della pista ciclabile e per il proliferare di colonnine di ricarica per le auto elettriche (a scapito soprattutto delle aree di sosta gratuite e di circa un centinaio di stalli a pagamento) argomento da noi affrontato approfonditamente lo scorso Aprile (APPROFONDISCI),  il Comune ha pensato bene di battere ancora cassa ampliando l’offerta di stalli a pagamento e addolcendo la pillola chiarendo che a questi ne saranno affiancati altri (a debita distanza ovviamente) gratuiti. Fatto “curioso” è che 81 su 112 di quelli a pagamento ricadranno all’interno di un’area commerciale.

L’area interessata dal provvedimento è quella intorno al Centro commerciale di Biscollai: “È in arrivo – scrive il Comune in una nota – la nuova distribuzione delle aree di sosta nella via Biscollai e largo Valerio Catullo. In tutto si tratta di 235 stalli, tra esistenti e di nuovo tracciamento. Gli stalli di sosta liberi previsti sono 123, di cui 35 tra la via Biscollai (dove attualmente vige il divieto di fermata) e largo Valerio Catullo, gli altri sono invece situati lungo la via Don Bosco. I nuovi stalli a pagamento sono 112, di cui 31 su strada pubblica, gli altri sull’area del Centro Commerciale Biscollai”.

Come se non bastasse, poi, la zona sarà interessata anche dall’inserimento forzoso di un nuovo senso unico che di certo non favorirà la viabilità, soprattutto nei momenti di grande traffico e di corsa agli acquisti:  “… nella via Biscollai, (senso di marcia verso l’ospedale San Francesco), dall’intersezione con largo Catullo fino all’intersezione con il prolungamento della via Don Bosco, e nello stesso largo Catullo, a partire dall’intersezione con via Don Bosco fino all’intersezione con via Biscollai”.

“Il piano prevede – continua la nota – il tracciamento di nuovi stalli di sosta per disabili e, non appena sarà emanato il decreto di attuazione, per le donne in stato di gravidanza e genitori di bambini fino a due anni”.

Nuoro, parcheggi a pagamento gestiti da ATP

Nuoro, parcheggi a pagamento attualmente gestiti da ATP

La nota si chiude con una dichiarazione del Sindaco, il quale precisa che il presente provvedimento è solo il primo di una serie: «Il problema dei parcheggi esiste e ne siamo pienamente coscienti. Con questo provvedimento rispondiamo alle necessità degli automobilisti in una zona nevralgica della città, dove sono presenti, scuole, ospedale e numerose attività commerciali e quindi si scontrano esigenze diverse. Sottolineo che nel predisporre il piano siamo andati oltre nel numero di aree di sosta libere previste dal Codice della strada, che ne prescrive la presenza nelle immediate vicinanze in numero equo rispetto a quelle a pagamento. Si tratta di un primo intervento – annuncia il sindaco –, presto ne predisporremo altri in diverse zone della città».

Intanto sui social (luogo deputato ormai oltre che agli sfoghi e alle esternazioni di cittadini più o meno titolati, anche alla comunicazione ufficiale dell’amministrazione) l’ennesimo balzello ha fatto montare la polemica. In primis sulla pressoché totale assenza in città di stalli bianchi (almeno dichiarati tali ufficialmente previo tracciamento con la riga bianca e non lasciati all’equivoco della libera interpretazione del cittadino-automobilista); cui segue, a ragione, la rilevazione del contrasto tra la solerzia nella messa in atto di provvedimenti come questo e l’indolenza nella riparazione del manto stradale dell’apparato viario cittadino, ormai devastato dall’incuria e dalla stratificazione di rattoppi maldestri; per finire con la presa di coscienza che tale provvedimento potrebbe avere effetti devastanti per la sopravvivenza del centro commerciale stesso.

© Tutti i diritti riservati

LEGGI ANCHE:

A Nuoro l’elettrico “ruba” il posto dei (pochi) parcheggi bianchi: è la città che guarda al futuro?

Sostieni l'informazione libera e indipendente di Cronache Nuoresi

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta