Fonni si prepara per accogliere gli sciatori: per l’impianto del Bruncuspina manca solo il collaudo

Sonia

Fonni si prepara per accogliere gli sciatori: per l’impianto del Bruncuspina manca solo il collaudo

mercoledì 12 Gennaio 2022 - 15:55
Fonni si prepara per accogliere gli sciatori: per l’impianto del Bruncuspina manca solo il collaudo

Prime nevicate a Fonni (f. G. Contieri)

Fonni il paese più alto della Sardegna, grazie anche alle numerose strutture ricettive, accoglie ogni anno migliaia di visitatori attirati dal fascino della montagna e della neve.

Nel 2022 il turismo invernale potrebbe ulteriormente rafforzarsi grazie al nuovo impianto sul Bruncuspina di prossima apertura. Ma per Fonni il concetto di Turismo non si cristallizza sul binomio neve e montagna ma ha anche tanto altro da offrire ai suoi visitatori.

Gino Mattu assessore all’Ambiente, Turismo e Attività produttive specifica come Fonni  potrebbe avere un incremento importante del Turismo invernale grazie all’apertura dell’impianto sciistico sul Bruncuspina.

Assessore quando pensate che possa essere aperto? Cosa manca ancora ?

L’infrastruttura  in atto sul Bruncuspina sarà sicuramente un importante volano di sviluppo turistico legato alla neve e non solo. La situazione attuale vede un impianto seggioviario completato dal punto di vista strutturale, che attende da diversi mesi il collaudo da parte degli enti preposti. Non mi sento di fare un pronostico perché alla burocrazia già complessa e lenta si aggiunge la situazione attuale che certamente non è d’aiuto, mi sento solo di dire che cercheremo per quanto ci compete di agevolare le procedure affinché si possano chiudere nel più breve tempo possibile. La fase immediatamente successiva sarà quella di ristrutturare l’attuale rifugio, attualmente in fase di progettazione esecutiva.
 

Una volta aperto l’impianto potrebbe essere possibile puntare sui cannoni artificiali?

L’innevamento artificiale in una montagna con queste caratteristiche climatiche non è cosa di facile realizzo. Sono necessari sistemi che possano innevare con temperature sopra lo 0 senza additivi chimici con costi di gestione molto alti, non escludo si possa fare ma prevede uno studio approfondito, che attualmente manca. Ritengo che nonostante la neve sia un’importante risorsa bisogna proiettare lo sguardo su un utilizzo della montagna anche durante le altre stagioni non di minore rilevanza turistica.

 Fonni dal punto di vista cosa può offrire al turista?

Fonni e il territorio circostante offre possibilità di sviluppo turistico in diversi ambiti, culturali, naturalistici, archeologici. Attualmente abbiamo diversi progetti in cantiere. Uno di questi riguarda la realizzazione della rete sentieristica del Gennargentu, il completamento del Museo del Pastore, il miglioramento e  la manutenzione del percorso dei murales, diversi interventi sui siti archeologici atti alla loro fruizione. Il turismo esperenziale, oggi più ambito che mai, deve integrare i viaggiatori nei luoghi, nella loro cultura, nelle tradizioni e l’ambiente, Fonni può regalare un’integrazione totale, frutto di una cultura propensa all’accoglienza tramandata da generazioni.

G. Contieri

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta