Coldiretti. A Nuoro confronto serrato sul mondo delle campagne fra politici e agricoltori

Sonia

Coldiretti. A Nuoro confronto serrato sul mondo delle campagne fra politici e agricoltori

martedì 23 Novembre 2021 - 11:17
Coldiretti. A Nuoro confronto serrato sul mondo delle campagne fra politici e agricoltori

Vertice di Coldiretti alla CCIA di Nuoro (foto S.Novellu)

Un tavolo di concertazione permanente tra i rappresentanti politici delle istituzioni e i rappresentanti agricoli. È la proposta di Coldiretti Nuoro Ogliastra accolta dai consiglieri regionali e dai parlamentari presenti ieri a Nuoro durante l’incontro che si è tenuto nella Camera di Commercio.

Vertice di Coldiretti alla CCIA di Nuoro (foto S.Novellu)

Vertice di Coldiretti alla CCIA di Nuoro (foto S.Novellu)

A lanciare l’idea, davanti a un’aula gremita, in apertura  è stato il direttore provinciale Alessandro Serra che insieme ai presidenti di sezione Coldiretti Vincenzo Cannas e Giambattista Coccolone (che ieri hanno parlato a nome dei 68 presidenti di tutta la Federazione presenti all’incontro) ha snocciolato le problematiche e proposte di soluzione:  «Il tavolo di concertazione è necessario per un confronto diretto sulle diverse vertenze che insistono sul comparto agricolo: dagli incendi dove è necessario favorire la presenza dell’allevatore e agricoltore nel territorio, vero custode delle campagne; alla blue tongue con le pesanti conseguenze per pastori con morti e aborti di pecore e allevatori con il blocco della movimentazione; alle cavallette» ha detto e proseguito: «È da tre anni che non abbiamo risposte concrete; ai pagamenti con ritardi sempre più ciclopici e uffici di Argea territoriale sguarniti: proponiamo l’apertura degli sportelli territoriali e tavoli tecnici tra i funzionari istruttori delle pratiche e i nostri tecnici dei Centri di assistenza». Cosi come è stato ricordata la beffa per gli allevatori nel processo per il poligono di Quirra, «Dove gli unici a pagare sono stati i circa 60 allevatori che hanno perso il pascolo e quindi l’azienda, oltre ad un milione di euro di premi comunitari, che vengono meno al territorio».

Vertice di Coldiretti alla CCIA di Nuoro (foto S.Novellu)

Vertice di Coldiretti alla CCIA di Nuoro (foto S.Novellu)

Il direttore di Coldiretti Luca Saba ha invece messo l’accento sulla programmazione partendo da un cambiamento di metodo e cultura e puntando su big data e tecnologia. «Come si può programmare il futuro dell’agricoltura senza conoscere i dati? Senza sapere quanti ettari di carciofo coltiviamo; quanti di pomodoro piuttosto che conoscere i dati sul settore lattiero caseario o conoscere la Plv agricola. È fondamentale avere un cruscotto agricolo, con i dati di tutti i settori, partendo da questo si può programmare con cognizione di causa e sapere dove investire i denari». Altro aspetto fondamentale è l’utilizzo della tecnologia per tagliare la burocrazia: «Abbiamo gli strumenti per rivoluzionare il sistema: per esempio utilizzando le foto satellitari riusciamo ad avere in una settimana la radiografia post incendi conoscendo gli ettari e il nome dell’azienda interessata; cosi come con un incrocio dei dati sappiamo in poche ore le perdite dovute alla blue tongue. Una vera rivoluzione copernicana che consente di ristorare le aziende agricole in poche settimane e non in anni come avviene adesso e di farlo in modo puntuale».

Giuseppe Talanas al vertice di Coldiretti alla CCIA di Nuoro (foto S.Novellu)

Giuseppe Talanas al vertice di Coldiretti alla CCIA di Nuoro (foto S.Novellu)

Metodo e proposte apprezzate dalla parte politica a cominciare dal padrone di casa il sindaco di Nuoro Andrea Soddu e dai consiglieri regionali presenti (Pierluigi Saiu, Giuseppe Talanas, Roberto Deriu, Eugenio Lai, Elena Fancello) e dalla parlamentare Romina Mura. Tutti hanno sottolineato la necessità di semplificare i procedimenti e tagliare la burocrazia che oggi sottrae fino a 100 giorni all’anno di lavoro in azienda cosi come si sono detti favorevoli all’istituzione di un tavolo permanente tra politica e organizzazione agricola.

Il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu (foto S.Novellu)

Il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu (foto S.Novellu)

Le conclusioni sono state affidate ai due presidenti della Coldiretti, il provinciale Leonardo Salis e il regionale Battista Cualbu che hanno fatto sintesi degli argomenti trattati, impegnandosi a mettere in atto quanto sostenuto durante il dibattito: «occorre cambiare marcia – hanno detto -. Noi siamo una Organizzazione pragmatica che non si ferma alla rivendicazione fine a se stessa ma la facciamo mirata sui veri problemi con le proposte di soluzione».

Diversi anche gli interventi degli associati, tra quelli di rilievo, la richiesta ai rappresentanti  della politica di sapere se c’era la possibilità di far ripartire il bando giovani per far rientrare gli esclusi dalla prima programmazione nonché una semplificazione dei criteri di partecipazione; le altre considerazioni sono state fatte in merito allo spopolamento delle zone interne con il conseguente impoverimento delle campagne e l’assenza di operai specializzati nelle aziende agricole.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta