Nuoro. “WeAR”: un progetto di formazione per l’inclusione lavorativa di autistici e con DSA

Sonia

Nuoro. “WeAR”: un progetto di formazione per l’inclusione lavorativa di autistici e con DSA

martedì 22 Giugno 2021 - 19:16
Nuoro. “WeAR”: un progetto di formazione per l’inclusione lavorativa di autistici e con DSA

Dal 21 al 25 Giugno si sta svolgendo a Nuoro un progetto di inclusione sociale molto importante.  Il CESP di Prato Sardo è un punto d’incontro per un progetto finalizzato a sostenere l’inclusione sociale e lavorativa di giovani con difficoltà d’apprendimento (DSA) e autistici. L’idea nasce  da un paternariato italiano, portoghese e tedesco Erasmus WeAR (We Are Reality).

La mancanza del lavoro è una determinante importante della “esclusione dalla società” che spesso caratterizza i giovani con difficoltà di apprendimento e autistici. Per essi, spesso isolati ed etichettati come “diversi”, il lavoro rappresenterebbe non solo un veicolo di indipendenza economica ma soprattutto uno strumento per realizzarsi come “persone attive” inserite a pieno titolo in una comunità. Il progetto prevede la costruzione e sviluppo di un modello metodologico che sostenga la formazione degli autistici e dei giovani con difficoltà di apprendimento e il loro affiancamento nell’inserimento in azienda.

Il gruppo di progetto è composto oltre che dalla LARISO  (Silvio Obinu – Andrea Fiori) capofila del partenariato, dalla Associazione Studio L&P (Gabriella Longu, M.Giovanna Piras) e dalla Fondazione A18onlus – Associazione Autismo 18 anni (Paola Scano) di Cagliari, dalla Internationaler Bund e.V., IB Süd (Viviana Brandoni Sandra Schuster) di Stoccarda in Germania e dal Associação Teatro Construção (Francisco Melo – Bruno Morais) di Villa nova de Famalicao in Portogallo.

In questa intervista Silvio Obinu e Gabriella Longu spiegano nel dettaglio l’iniziativa:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta