Oliena. Carta(Pd): “La struttura ricettiva di Lanaitto trasformata dal Comune in una topaia”

Nuovo

Oliena. Carta(Pd): “La struttura ricettiva di Lanaitto trasformata dal Comune in una topaia”

sabato 19 Giugno 2021 - 12:45
Oliena. Carta(Pd): “La struttura ricettiva di Lanaitto trasformata dal Comune in una topaia”

La struttura ricettiva di Lanaitto

“Con l’inizio della zona verde in Sardegna, che significa turismo libero, Oliena si presenta a questo importantissimo appuntamento con una nuova struttura ricettiva, un albergo a cinque stelle per i topi”. Così in una nota Valentino Carta, consigliere comunale a Oliena ed esponente del Partito Democratico, attacca il sindaco Bastiano Congiu in merito allo stato di abbandono delle strutture di servizio presenti all’interno della Valle di Lanaitto, immobili di proprietà del Comune situati ai piedi del Supramonte.

La struttura ricettiva di Lanaitto

La struttura ricettiva di Lanaitto

“La Valle di Lanaitto  – spiega Carta – è la porta più accessibile degli aspri rilievi del Supramonte, celebre per intricati sentieri oggi itinerari di trekking che portano a tesori naturalistici e archeologici. La struttura ricettiva presente a Lanaitto, un tempo frequentata da turisti e non solo, è incastonata in uno scenario incantevole. Ora, però, grazie all’attuale amministrazione comunale, è un posto abbandonato e demolito, un luogo ambito dai ratti, non certo dai tanti turisti che ogni anno visitano il Supramonte”.

La struttura ricettiva di Lanaitto

La struttura ricettiva di Lanaitto

“Questa è la politica del sindaco Bastiano Congiu sul turismo locale, sulla grande vetrina di Oliena,  da sempre paese simbolo dell’ospitalità del centro Sardegna – attacca il consigliere comunale. Le condizioni in cui versa la struttura di Valle di Lanaitto sono inaccettabile, il sindaco dovrebbe spiegare ai suoi concittadini il motivo di tale scempio. Anziché valorizzare il nostro patrimonio naturale, Oliena lo sta distruggendo”, conclude Valentino Carta.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta