lunedì 25 gennaio 2021, Aggiornato alle 19:27
Home > CRONACA > Notte Europea dei ricercatori 2020. Come smascherare le bufale scientifiche

Notte Europea dei ricercatori 2020. Come smascherare le bufale scientifiche

 

Sardegna Ricerche partecipa alla “Notte Europea dei Ricercatori”, iniziativa in programma venerdì 27 novembre che si pone l’obiettivo di comunicare il ruolo dei ricercatori nella costruzione della società futura.

Tra le tante iniziative previste in Italia nell’ambito del progetto nazionale SHARPER, coordinate in Sardegna dall’Università di Cagliari, Sardegna Ricerche propone il talk “Cacciatori di bufale… nella scienza!”, con inizio alle ore 15:00 in diretta streaming sui suoi canali Facebook e YouTube.

Un debunker o cacciatore di bufale è una persona che smaschera notizie false e antiscientifiche. Ogni mattina si alza e sa che, appena acceso il computer, si imbatterà in fake news su ogni argomento, dal Covid al 5G fino alla teoria ‘terrapiattista’. Ma il vero debunker non si perde d’animo: sa che oggi esistono strumenti efficaci per contrastare le fake news e stanare i ‘bufalari’. Strumenti semplici, che tutti dovrebbero imparare a usare nel miglior modo possibile.

Ne discuteranno con Maria Assunta Serra, commissaria straordinaria di Sardegna Ricerche, i giornalisti Mauro Scanu (RAI) e Gianluca Dotti (Wired) e il ricercatore Franco Lori, CEO di Virostatics, impresa biotech insediata nella sede di Alghero del Parco tecnologico regionale.

Il talk proposto per la Notte europea dei Ricercatori è un’iniziativa del 10LAB, il centro di divulgazione scientifica di Sardegna Ricerche, l’unico science centre in Italia nato all’interno di un Parco tecnologico.
Così spiega il senso dell’iniziativa la commissaria Maria Assunta Serra: “L’educazione alla scienza e alla tecnologia è un tema di primaria importanza per Sardegna Ricerche: tutte le attività del 10LAB, dalle attività di laboratorio come il Tinkering, ai giochi di discussione, passando per eventi e spettacoli scientifici, hanno l’obiettivo di stimolare il pensiero critico verso la scienza e l’innovazione: un punto di partenza fondamentale per far sì che i ragazzi si sappiano orientare autonomamente nel mondo dell’informazione e sappiano riconoscere fonti corrette e fake news.”

La Notte Europea dei Ricercatori è un evento cofinanziato dal programma Orizzonte 2020.
L’appuntamento è alle ore 15:00 di venerdì 27 novembre sui canali social di Sardegna Ricerche: Facebook (www.facebook.com/SardegnaRicerche) e YouTube (www.youtube.com/user/SardegnaRicerche).

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI