domenica 29 novembre 2020, Aggiornato alle 20:36
Home > CRONACA REGIONALE > Caso Tirrenia. Insorge la Regione: “Il Governo rinnovi il contratto”

Caso Tirrenia. Insorge la Regione: “Il Governo rinnovi il contratto”

Il palazzo della Regione Sardegna (foto S.Novellu)
Il palazzo della Regione Sardegna (foto S.Novellu)

«È intollerabile la situazione di stallo determinata dall’inerzia del Ministero dei Trasporti sugli adempimenti per la definizione del nuovo bando della continuità marittima, come anche della mancata proroga del servizio a Tirrenia che ha annunciato il blocco di alcuni collegamenti da e per la Sardegna. La Regione – rispettando con rigore il proprio ruolo nella vicenda – ha sollecitato con forza in tutte le sedi la conclusione degli adempimenti per il nuovo bando rimanendo inascoltata».

È quanto sottolinea l’assessore regionale dei Trasporti, Giorgio Todde, in merito alla lettera della compagnia che finora ha garantito i collegamenti tra la Sardegna e la Penisola previsti dal bando, pur in assenza di una nuova convenzione e di una proroga.

«Ciò che però è scandaloso in questa vicenda – nella quale sono esclusive, chiare ed evidenti le responsabilità politiche del Ministero – è il colpevole silenzio nelle scorse settimane di chi oggi strepita all’indirizzo sbagliato accusando la Regione. Ci saremmo aspettati che questa determinazione e ogni legittima rivendicazione fossero rivolte ai veri responsabili, quali Governo e Ministero, che ledono in maniera grave il diritto alla mobilità dei sardi», conclude l’esponente della Giunta Solinas.

Il consigliere regionale  del PD Salvatore Corrias dice : «Dal prossimo 1° dicembre verranno interrotte la tratta marittima Civitavecchia-Arbatax-Cagliari e la Genova-Olbia-Arbatax. Tanto, con drammatica tempestività, comunica Tirrenia, adducendo come motivazione la situazione di incertezza in merito alla proroga della Convenzione, a tutt’oggi non formalizzata. Avevo già annunciato, denunciandola, qualche settimana fa, questa assurda situazione. Mi opporrò, oggi, con ogni energia, a questa lenta e tragica eutanasia».

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI