martedì 24 novembre 2020, Aggiornato alle 20:38
Home > CRONACA REGIONALE > Spara a due cervi sardi: bracconiere denunciato dalla Forestale dopo un inseguimento

Spara a due cervi sardi: bracconiere denunciato dalla Forestale dopo un inseguimento

 

Prima gli è stata contestata la cattura e la detenzione di un cervo sardo, specie protetta e animale simbolo del Parco Naturale di Gutturu Mannu. Poi una successiva perquisizione ha permesso di rinvenire anche i resti conservati in frigo di un altro esemplare di animale della stessa specie.

E anche strumenti illeciti di cattura, cavetti in acciaio e munizioni che l’uomo non poteva detenere non essendo titolare di porto d’arma. Inevitabile la denuncia un 54enne di Capoterra, capo di una compagnia di caccia grossa.

Il presunto bracconiere è accusato anche del reato di resistenza a pubblico ufficiale. E la sua auto è stata sottoposta a sequestro perché sprovvista di assicurazione. È il bilancio di un’operazione antibracconaggio condotta dal personale della stazione di Uta con il supporto del Nucleo Investigativo dell’Ispettorato Forestale di Cagliari.

Tutto è partito dal ritrovamento, ieri, giornata in cui era consentito l’esercizio venatorio, degli scarti di macellazione di un esemplare di cervo sardo. Per i ranger l’abbattimento era roba di giornata. E quindi sono scattati ricerche e posti di controllo nelle vie di accesso al Parco di Gutturu Mannu. Intorno alle 19,00 l’avvistamento di un’auto sospetta, l’inseguimento e infine l’intercettazione nella Strada provinciale all’ingresso di Capoterra. Al controllo del veicolo saltavano fuori tre zaini con i resti sezionati di un cervo Sardo, corrispondente ai residui ritrovati poco prima nel parco di Gutturu Mannu. Poi il ritrovamento dell’altro cervo.

La caccia a specie protetta e caccia in zona vietata (Parco Regionale) – spiega la Forestale-  è sanzionata con pene sino ad un anno di reclusione.

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI