giovedì 26 novembre 2020, Aggiornato alle 21:16
Home > CRONACA > Covid. Nuova ordinanza Solinas: bar e ristoranti chiusi alle 23,00, DAD al 100% e Sardegna blindata

Covid. Nuova ordinanza Solinas: bar e ristoranti chiusi alle 23,00, DAD al 100% e Sardegna blindata

Solinas si difende dagli attacchi mediatici
Il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas

Chiusura di bar e ristoranti alle 23,00 riduzione considerevole degli ingressi nell’Isola, didattica a distanza al 100% per le scuole superiori.

Queste le tre misure principali che dovrebbero essere contenute nell’ordinanza che il presidente della Regione Sardegna Christian Solinas potrebbe adottare tra oggi e domani. Il DPCM prevede l’interruzione della somministrazione di cibi e bevande alle 18 ma lascia una certa libertà alle amministrazioni che godono di Autonomia speciale.

“Queste attività – si legge nel testo – restano consentite a condizione che le Regioni e le Province Autonome ne abbiano preventivamente accertato la compatibilità con l’andamento della curva epidemiologica nei propri territori e che individuino i protocolli idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio”.

Si è già mossa in questo senso la Provincia di Bolzano, dove è già in vigore da lunedì un’ordinanza che prevede la chiusura anticipata di bar e ristoranti alle 20 e alle 22. L’ordinanza di Solinas dovrebbe contenere anche misure per limitare gli arrivi in porti e aeroporti. Il decreto non mette limiti agli spostamenti tra Regioni, ma i governatori possono stabilirli, e il presidente sardista è intenzionato a blindare la Sardegna come ai tempi del primo lockdown, con pochissimi voli operativi in tutti e tre gli scali e solo per chi viaggia per comprovati motivi di lavoro e di salute. Stesso modello sul fronte dei traghetti. L’obiettivo è duplice: testare con più facilità i passeggeri in entrata e soprattutto non compromettere i risultati raggiunti sul fronte del contenimento del contagio.

Il governatore è pronto a intervenire anche sulla didattica a distanza per le superiori, portandola al 100 per cento (nel DPCM è al 75%).

Prima di adottare il provvedimento il presidente è comunque intenzionato a condividerlo con il Governo e con le opposizioni in Consiglio regionale. Per questo, già nel pomeriggio, potrebbe convocare un vertice sul modello di quello che si è tenuto lo scorso venerdì e al quale hanno partecipato tutti i capigruppo, l’assessore della Sanità e i membri del comitato tecnico scientifico.

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI