sabato 8 agosto 2020, Aggiornato alle 16:27
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Dopo il Coronavirus la piaga delle Cavallette: l’invasione oltrepassa la valle del Tirso

Dopo il Coronavirus la piaga delle Cavallette: l’invasione oltrepassa la valle del Tirso

cavalette a Bultei
Cavalette a Bultei

Sii allarga oltre la Valle del Tirso l‘invasione delle cavallette. Da alcuni giorni hanno occupato le campagne del Goceano in particolare a Bultei, ma anche di Anela, Bono, Bottida e qualche segnalazione arriva pure dal territorio di Pattada.

L’allarme è lanciato dalla Coldiretti.

«Gli insetti voraci stanno dunque ampliano la loro presenza nel centro Sardegna (sono presenti anche a Escalaplano) interessando un numero crescente di ettari e aziende agricole – spiega l’associazione – costrette loro malgrado a sfamarle rinunciando a foraggio e pascoli per i propri animali ed in alcuni casi anche ai prodotti dell’orto. Una beffa che arriva nell’anno più drammatico quello del Coronavirus che sta mettendo in ginocchio tutta l’economia».

«È una piaga, sono milioni e ci stanno causando ingenti perdite – afferma il presidente della sezione Coldiretti di Bultei Matteo Orritos -, saremo costretti fra qualche giorno ad acquistare mangime e foraggio perché quello che rimane del nostro è insufficiente e dobbiamo utilizzarlo anche come surrogato dei pascoli. Solo quando le vedi ti rendi conto di quante sono e del danno che arrecano. A Bultei stiamo anche raccogliendo le firme per presentarle al sindaco».

Le nuvole scure di cavallette interessano per il momento oltre 30 aziende del Goceano che si trovano lungo il corso del Tirso, ma il dato purtroppo è in aggiornamento.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento

error: Content is protected !!