mercoledì 30 settembre 2020, Aggiornato alle 20:34
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Coronavirus. A Pasquetta Nuoro è una città deserta – VIDEO

Coronavirus. A Pasquetta Nuoro è una città deserta – VIDEO

Un posto di blocco della Polizia Municipale (foto S.Novellu)
Un posto di blocco della Polizia Municipale (foto S.Novellu)

 

Strade pressoché deserte, dal centro alla periferia. Negozi chiusi, come da Decreto ministeriale. Pochi i pedoni a passeggio con il propri amici a quattro zampe. Qualcuno si avventura tentando di capire se i centri commerciali di via Don Bosco siano aperti o chiusi.

È una città pattugliata quella che si presentava ai nostri occhi oggi, giorno di Pasquetta. Ovunque Polizia Municipale, Polizia di Stato e Carabinieri a controllare il rispetto del decreto Conte, che prevede per i giorni di Pasqua e Pasquetta la chiusura di tutti gli esercizi commerciali e il divieto di muoversi da casa per stare al riparo dal rischio di contagio da Coronavirus.

Nuoro, un posto di blocco della Polizia (foto S.Novellu)

Nuoro, un posto di blocco della Polizia (foto S.Novellu)

«Mentre nei giorni scorsi, incoraggiati da un rallentamento della curva dei contagi, in tanti avevano ripreso a uscire, oggi e ieri i cittadini sembrano rispettare il divieto; le poche persone in circolazione vanno o rientrano dalle proprie campagne» informano gli agenti della Polizia Municipale impegnati in un posto di blocco in viale Trieste.

Non manca poi, chi, mascherina alla bocca, viso chino e espressione mesta, fa rientro a casa dal proprio turno di lavoro in ospedale. Per loro, gli agenti della Municipale non disdegnano una una parola di conforto e di incoraggiamento.

La città deserta nel giorno di Pasquetta (immagini di S.Novellu)

La situazione nell’hinterland della città non è molto diversa, dalla Solitudine all’Ortobene, dalla Madonnina di viale Ciusa al bivio per Oliena-Orgosolo, da Città Giardino a Città Nuova, ogni cosa è pervasa da un silenzio assordante e dall’assenza assoluta di presenza umana. Di tanto in tanto, il silenzio rotto solo dal rombo dell’elicottero della Polizia che, dall’alto controlla la situazione.

I dati del Viminale, intanto, parlano di 13.756 persone sanzionate dalle Forze dell’ordine nel giorno di Pasqua, a fronte di 213.565 controlli; 100 le persone denunciate per falsa dichiarazione o attestazione mentre le attività e gli esercizi commerciali oggetto di verifica sono stati 60.435, con 121 sanzioni e 47 provvedimenti di chiusura.

© Tutti i diritti riservati

 

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI