giovedì 29 ottobre 2020, Aggiornato alle 19:46
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > “Moderiamo la velocità sulla Strada della morte”: l’appello del Sindaco di Bortigali

“Moderiamo la velocità sulla Strada della morte”: l’appello del Sindaco di Bortigali

Un incidente stradale all'interno della rotonda per l'accesso a Bortigali
Un incidente stradale all'interno della rotonda per l'accesso a Bortigali

 

«Faccio appello al buon senso degli automobilisti che percorrono la Statale 129, e in particolare il tratto in corrispondenza della nuova rotonda di accesso al comune di Bortigali: moderiamo la velocità! In questo punto il limite di velocità è di 20 km orari!». Così il primo cittadino del comune del Marghine, Francesco Caggiari.

Si fa un gran parlare della pericolosità della  Nuoro-Macomer, al punto che di recente è stata ribattezzata “Strada della morte”. Una strada costellata da troppe croci, sulla quale (e lo sa bene chi è costretto a percorrerla spesso dato che non ci sono alternative valide), nonostante il copioso tributo di sangue versato si continua a correre, a tagliare le curve invadendo la corsia opposta, a effettuare sorpassi azzardati; finché non ci scappa il morto (APPROFONDISCI), o i morti (APPROFONDISCI). Allora tutti a piangere, a additarne la pericolosità e a invocare finanziamenti per la sua messa in sicurezza… ma qualche giorno dopo, svanita la suggestione della tragedia, tutto torna come prima e l’incoscienza ritorna a farla da padrona.

 

 

I progetti della nuova rotonda di Bortigali

I progetti della nuova rotonda di Bortigali

I lavori per la realizzazione della rotonda in questione (del valore di circa 300 mila euro, progettati dallo stesso Comune e finanziati dalla Regione Sardegna, in convenzione con ANAS) erano stati consegnati all’impresa appaltatrice a metà febbraio 2019 (APPROFONDISCI), primo di una serie di interventi pianificati per la “Trasversale sarda”, tra i quali, sempre mediante la realizzazione di rotonde, si prevede la messa in sicurezza dei bivi per Orotelli, Birori, Silanus e Oniferi,

Lo scorso 15 luglio, dunque, a lavori pressoché completati ma con l’opera ancora da collaudare, questa è stata provvisoriamente aperta la traffico ma con un limite di velocità di 20 km/h. Ciò nonostante, nel giro di pochi giorni, si sono verificati numerosi incidenti proprio in quel tratto, per fortuna senza gravi conseguenze.

In queste ore, qualcuno sui social lamenta la mancanza di un’illuminazione adeguata che segnali la presenza della nuova infrastruttura, questa forse arriverà ma non bisogna mai dimenticare che, in qualunque situazione, la velocità va sempre adeguata alle condizioni delle strada.

S.Novellu © Tutti i diritti riservati

 

Lascia un commento

error:
× CONTATTACI