martedì 16 luglio 2019, Aggiornato alle 16:01
Home > CRONACA REGIONALE > Nuovi vitalizi. Zoffili (Lega): “non voteremo mai aumenti dei costi della politica o privilegi”

Nuovi vitalizi. Zoffili (Lega): “non voteremo mai aumenti dei costi della politica o privilegi”

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Matteo Salvini in visita a Nuoro Eugenio Zoffili (foto S.Novellu)
Matteo Salvini in visita a Nuoro Eugenio Zoffili (foto S.Novellu)

 

«Vitalizi in Sardegna? La nostra posizione è chiara e trasparente. La Lega non voterà mai provvedimenti che aumentano i costi della politica o che comprendano privilegi economici, pensionistici, aumenti di stipendi per chi è stato eletto in Regione ad ogni livello e che possano determinare esborsi per i cittadini sardi» (APPROFONDISCI). Questo quanto dichiarato oggi dal Segretario Regionale Lega Sardegna Eugenio Zoffili.

Zoffili, dopo aver appreso che i giudici amministrativi hanno respinto il ricorso elettorale presentato da Antonio Gaia, Pierfranco Zanchetta e Marzia Cilloccu che, se accolto, avrebbe determinato la fuoriuscita degli otto eletti del Carroccio dall’Assemblea sarda (APPROFONDISCI) ha aggiunto: «ho appena sentito il nostro avvocato – aggiunge Zoffili dopo aver appreso, che ringrazio per l’ottimo lavoro così come ringrazio per la professionalità dimostrata i giudici del TAR Sardegna. Non avevamo dubbi e non abbiamo mai smesso di lavorare anche con i nostri consiglieri regionali, ma soprattutto tra la gente per il bene e il futuro della Sardegna e di tutti i suoi cittadini».

La polemica, intanto, infuria mentre i giudici amministrativi “salvano” gli otto eletti in Consiglio dall’esclusione a oltre tre mesi dalle elezioni regionali. I ricorrenti contestavano l’adesione tecnica di alcuni consiglieri a sette partiti (tra cui la Lega) non rappresentati in Aula nella passata legislatura, con l’obiettivo di liberarli dall’incombenza della raccolta delle firme necessarie per poter presentare le liste. Ora, per essere sicuri, bisognerà attendere il giudizio del Consiglio di Stato al quale i ricorrenti si appelleranno.

 

Lascia un commento