venerdì 19 aprile 2019, Aggiornato alle 18:25
Home > CRONACA, POLITICA E ATTUALITÀ > Nuoro. Il mistero della carte “scottanti” richieste dalla Corte dei Conti

Nuoro. Il mistero della carte “scottanti” richieste dalla Corte dei Conti

Sostieni l'informazione libera e indipendente.
Supporta Cronache Nuoresi con una donazione.
Il Comune di Nuoro (foto S.Novellu)
Il Comune di Nuoro (foto S.Novellu)

 

Proprio nel giorno in cui arriva la notizia della candidatura di Andrea Soddu alle prossime elezioni per il Parlamento Europeo, sotto la bandiera del Partito Democratico, avvengono mutamenti significativi in Consiglio Comunale.

Sull’elezione del vice Presidente espressione della Maggioranza, presente ieri con dodici consiglieri (quindi senza numero legale, garantito invece dalle Opposizioni, per l’assenza del consigliere Paolo Manca), il tredicesimo voto a favore di Emilio Zola arriva proprio dalla Minoranza consiliare, un singolo voto che consegna l’ambito scranno nella Maggioranza Soddu, mossa sulla quale si sospetta l’intervento di Fabrizio Satta (PD).

Poco dopo, Nicola Porcu annuncia il proprio passaggio al gruppo consiliare del Partito Democratico, astenendosi sulle sospensive alla discussione delle varianti ai piani di lottizzazione di Biscollai, presentate dal gruppo del Partito Sardo d’Azione tramite Graziano Siotto per un’ipotetica violazione dei regolamenti consiliari.

Sempre i Sardisti (questa volta l’intervento è di Viviana Brau), incassano il voto favorevole e unanime del Consiglio Comunale, con la sola astensione del consigliere Arru e l’assenza al momento del voto del gruppo La Base per Nuoro, alle mozioni per l’istituzione del Forum Agricolo, il tavolo permanente tra Comune e aziende agricole nuoresi e la carta KMZERO volta a dare accesso ai prodotti locali, con prezzi calmierati, ai nuoresi in difficoltà.

Ultimo punto della discussione la rettifica di ben nove deliberazioni su debiti fuori bilancio approvate nel settembre 2018 in cui risultava presente il consigliere sardista Graziano Siotto al posto di Michele Siotto.

“Graziano” ha tenuto a precisare che risulta bizzarra una rettifica sulle presenze da parte del Consiglio Comunale quando è un compito che spetta al Segretario Comunale; a questo punto ha chiesto come fosse possibile che undici consiglieri assenti in quella seduta potessero assumersi la responsabilità di certificare la sua  mancata presenza dovuta al fatto che in quel periodo era in viaggio di nozze, abbandonando così l’Aula al momento del voto con tutto il resto dei Sardisti.

Ma è in fase di comunicazioni che l’attenzione del Consiglio tutto è stata catalizzata dalla richiesta dalla Presidente della Commissione Bilancio Claudia Camarda. La stessa, presa visione degli atti rilasciati ed intercorsi tra la Corte dei Conti e il Comune di Nuoro, ha difatti chiesto al Sindaco Soddu (anche in qualità di assessore al Bilancio) se fosse a conoscenza di documenti contabili di cui il Consiglio dovrebbe essere prontamente informato, anche tramite apposita seduta segreta, ravvisando a microfono l’urgenza che ciò avvenga in tempi rapidi, considerata anche l’imminente approvazione del bilancio previsionale 2019/2021.

A nessuno è dato sapere a cosa nel dettaglio la capogruppo Camarda faccia riferimento, ma dalle parole utilizzate è evidente che vi sia qualche carta che scotta e investe le responsabilità di ogni singolo consigliere comunale, evidentemente a tutt’oggi inconsapevole o non informato.

© Tutti i diritti riservati

Lascia un commento