Bracconaggio: indagati nove cacciatori per l’uccisone illegale di un muflone e un cinghiale

Nuovo

Bracconaggio: indagati nove cacciatori per l’uccisone illegale di un muflone e un cinghiale

lunedì 01 Ottobre 2018 - 19:33
Bracconaggio: indagati nove cacciatori per l’uccisone illegale di un muflone e un cinghiale

Il muflone abbattuto illegalmente

Nove cacciatori sono indagati dal Corpo forestale dopo l’operazione che ha portato al sequestro di un muflone e un cinghiale uccisi illegalmente, nonché fucili e munizioni.

Contestate dai militari dell’Ispettorato di Lanusei, violazioni penali per l’abbattimento di specie particolarmente protetta e in tempo di divieto; elevata, inoltre, la sanzione amministrativa per avere esercitato la caccia in assenza di autorizzazione in deroga. Ieri, in occasione dell’apertura generale della stagione venatoria, il Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale di Lanusei ha sorpreso nella zona di Monte Novu a Villagrande un gruppo di cacciatori col sistema della battuta di “caccia grossa – alla posta”. Gli agenti hanno rinvenuto le carcasse di un cinghiale e di un muflone.

Sul luogo, piuttosto impervio per la fitta macchia mediterranea e la configurazione del terreno, è arrivato a supporto anche il personale dalle Stazioni Forestali di Villagrande Strisaili, Lanusei, Osini, Seui e Gavoi e gli agenti del Nucleo investigativo di Nuoro.

L’attività di controllo del Corpo Forestale sul fenomeno alla caccia abusiva nei confronti delle specie particolarmente protette proseguirà in tutta l’area del Gennargentu.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta