sabato 8 agosto 2020, Aggiornato alle 16:27
Home > IN PRIMO PIANO > Dorgali. Il sindaco del M5S annuncia su Facebook: “sono indagata”

Dorgali. Il sindaco del M5S annuncia su Facebook: “sono indagata”

Maria Itria Fancello
Il sindaco di Dorgali Maria Itria Fancello

Turbativa d’asta è l’ipotesi di reato

Il sindaco di Dorgali Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d’asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook: «volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro. A quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all’assessore Fabrizio Corrias, sono indagata per turbativa d’asta».

«Non ho ricevuto avvisi di garanzia – spiega il sindaco pentastellato – né ero a conoscenza dell’attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all’insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un’apposita commissione».

«Ho fiducia nella giustizia – aggiunge la prima cittadina di Dorgali – e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini».

L’annuncio delle indagini in corso è stato dato ieri sulla pagina personale del sindaco Fancello. Numerosi i messaggi di solidarietà pubblicati in risposta alla comunicazione del primo cittadino, che conclude il suo messaggio scrivendo: «ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il Movimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati».

Oltre al sindaco, il reato di turbativa d’asta viene contestato a vario titolo al marito Alberto Nani e all’assessore all’Ambiente e Protezione civile. I due amministratori, secondo l’accusa, avrebbero favorito nella gara d’appalto per la gestione dei siti archeologici comunali, la Cooperativa Chivine dove lavorava come guida ambientale proprio Alberto Nani. La coop aveva vinto il bando di gara nel luglio del 2016, più di un mese dopo l’insediamento dell’amministrazione Fancello. «Non ho mai cercato di favorire la coop dove lavora mio marito – ha precisato all’agenzia di Stampa Maria Itria Fancello – La gara è stata gestita da una apposita commissione e non da me. In attesa di poter prendere visione del fascicolo – ha concluso – non posso esprimermi nel merito di ciò che mi viene contestato. Sto procedendo alla nomina di un avvocato per potermi difendere nelle sedi dovute». Maria Itria Fancello, agronoma di 34 anni, e madre di due bambini, ha ricevuto tanti attestati di solidarietà postati dai cittadini di Dorgali e dai rappresentanti del M5S. «Grazie mille Itria per la trasparenza, purtroppo voi amministratori vi dovete trascinare pure le rogne del passato. Forza e coraggio!», ha scritto la parlamentare sarda del M5S Emanuela Corda. «Cara Itria la fiducia di tutti noi e dei cittadini di Dorgali non ti mancherà – scrive Pino Calledda, consigliere comunale del M5s di Cagliari – continua ad amministrare così come hai fatto fino ad oggi a testa alta perché rappresenti il cambiamento in Sardegna».

© Tutti i diritti riservati

 

 

Lascia un commento

error: Content is protected !!